Foibe – quale verità?

da www.davidebusetto.it | Pubblicato con l’autorizzazione di Alessandra Kersevan

jugoslavia bandieraUNA PREMESSA NECESSARIA: Nella prima guerra mondiale avvenne l’occupazione e, successivamente, l’annessione della Venezia Giulia allo Stato italiano (Regno d’Italia). Iniziò subito la snazionalizzazione degli abitanti di nazionalità slovena e croata della regione. Con l’arrivo del fascismo le squadracce colpirono associazioni culturali, politiche e sociali; successivamente, grazie alle leggi speciali, si procedette all’italianizzazione di nomi e cognomi e alla proibizione delle lingue (slovena e croata) in scuole e amministrazioni pubbliche, proibizione che successivamente venne estesa ad ambiti sempre più personali.

REPRESSIONE: il Tribunale speciale per la difesa dello Stato venne spostato appositamente per far fronte alle azioni di sloveni e croati, a Trieste. Nel 1930 e nel 1941 due processi finirono con molte condanne a morte e l’esecuzione a Trieste di nove sloveni. Tutto ciò creò rancore non tanto verso gli italiani quanto verso il fascismo. Era il fascismo a far coincidere l’italianità con se stesso.


CONTINUA A LEGGERE