Un referendum contro il Jobs Act

da pdcifermano.wordpress.com

Sabato 31 gennaio, alle ore 17.00, presso la Sala Castellani di Porto San Giorgio, si terrà un’importante iniziativa sul Jobs Act, cioè sul testo legislativo che rappresenta il più duro attacco ai diritti dei lavoratori degli ultimi decenni. Tra i vari punti critici di questo provvedimento vi è sicuramente la pressoché totale eliminazione del diritto di reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa: il datore di lavoro, cioè, non verrà obbligato ad eliminare un atto illegittimo, ma a pagare un indennizzo che, in ogni caso, non equivarrà minimamente al diritto di riottenere il proprio posto di lavoro.

Il Governo e i suoi accoliti si sforzano di far passare l’idea che il diritto al reintegro riguarda pochi lavoratori, cosa peraltro non vera, mentre la maggior parte di questi è soggetta a contratti precari; quindi, di fronte a tale palese ingiustizia, Renzi ha deciso di applicare i principi dell’uguaglianza secondo Confindustria: togliamo questo sacrosanto diritto a chi ancora può goderne. In realtà l’intento di parificare al ribasso i diritti dei lavoratori non è granché riuscito: i dipendenti già sotto contratto potranno godere della tutela del vecchio articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, così come manomesso pesantemente dalla Fornero, mentre gli altri potranno al massimo sperare in un indennizzo. Non c’è che dire, un diverso trattamento totalmente in linea con l’uguaglianza dei diritti sancita dalla nostra Costituzione!

CONTINUA A LEGGERE