Trezzano sul Naviglio: vogliono chiudere la Maflow-Brs

da rassegna.it

Contro la decisione della multinazionale polacca Boryszew operai in assemblea permanente. “I lavoratori hanno riportato in fabbrica le commesse Bmw, difeso l’azienda e il lavoro – ricorda la Fiom – Adesso pacta sunt servanda”

In scena, ieri 20 settembre – fa sapere in un denso comunicato la Fiom di Milano –, l’ennesimo atto di una sceneggiata che si protrae da ben due anni: il gruppo dirigente di Boryszew, multinazionale polacca che nel 2010 ha rilevato il sito di Trezzano della Maflow (e gli stabilimenti in Brasile e Cina), ha dichiarato l’intenzione di chiudere la fabbrica e liberarsi dei lavoratori. Quegli stessi lavoratori che con la loro lotta lunga e tenace avevano conquistato il rientro in fabbrica delle commesse riportate da Bmw in Germania, consentendo all’azienda di proseguire nell’attività.

CONTINUA A LEGGERE