Processo Eternit, la condanna è stata annullata. Civiltà o barbarie?

da www.comunisti-italiani.it

E così, la Cassazione ha accolto la richiesta Pg e la sentenza a carico del manager svizzero Schmidheiny per disastro ambientale è stata annullata. Il reato resta, ma la pena viene cancellata. Come può essere garantito, così, il diritto costituzionale per il quale “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge”?

Ancora una volta chi è ricco e potente riesce ad ottenere l’immunità. Non c’è giustizia, non esiste civiltà. Un sistema che favorisce i colpevoli solo perché hanno la possibilità di far durare i processi all’infinito è un sistema malato e infame che deve essere cambiato dalle radici.

Le leggi che favoriscono e che hanno reso sempre più brevi i tempi della prescrizione devono essere cancellate. La prescrizione deve essere sospesa dall’inizio del processo per consentire di condannare i colpevoli. Invece di fare annunci e di promettere “riforme” che servono unicamente a garantire a lorsignori potere e privilegi, si dovrebbe garantire ai cittadini onesti la condanna di chi delinque e la certezza della pena.

CONTINUA A LEGGERE