Landini (FIOM) sul reintegro degli operai di Melfi

operai melfi fiom-w300

Fiat Sata. Landini (Fiom): “Esprimiamo soddisfazione per la sentenza del Tribunale di Potenza che reintegra i tre lavoratori di Melfi e condanna l’Azienda per comportamento antisindacale”

Il segretario generale della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.

“La Corte d’Appello di Potenza ha accolto il ricorso della Fiom, confermando così la condanna alla Fiat Sata di Melfi per comportamento antisindacale e disponendo il reintegro sul loro posto di lavoro di Giovanni Barozzino, Antonio La Morte e Marco Pignatelli. Viene così confermato il primo decreto emesso dal Tribunale di Melfi.”

“La Fiom esprime la sua più profonda soddisfazione per la sentenza, soprattutto alla luce dei gravi atti di discriminazione contro i nostri iscritti e i nostri delegati che si stanno verificando in tutti gli stabilimenti del Gruppo. Il licenziamento dei tre lavoratori di Melfi del luglio 2010 è stato, infatti, il primo gravissimo attacco al diritto di sciopero, alla dignità e alle libertà di chi lavora condotto nell’ambito del nuovo modello Marchionne.”

“Visto l’uso strumentale e la denigrazione a mezzo stampa avanzata in questi mesi verso i tre lavoratori iscritti e delegati della Fiom, valuteremo insieme a loro se richiedere i danni morali.”

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 23 febbraio 2012