Jobs act: nessuna svolta sulla precarietà

da www.rassegna.it

Questo il primo commento della Cgil in merito alle decisioni assunte dal Consiglio dei ministri. “Il contratto a tutele crescenti è la modifica strutturale del tempo indeterminato, che ora prevede la libertà di licenziare pagando un misero indennizzo”

“Il Jobs Act è il mantenimento delle differenze e non la lotta alla precarietà”. È il primo commento della Cgil in merito alle decisioni assunte oggi (20 febbraio) dal Consiglio dei ministri. Il sindacato di Corso d’Italia in una nota aggiunge: “Il contratto a tutele crescenti è la modifica strutturale del tempo indeterminato che ora prevede, nel caso di licenziamento illegittimo o collettivo, che l’azienda possa licenziare liberamente pagando un misero indennizzo”.

Sulla precarietà, prosegue la nota del sindacato di corso d’Italia, “siamo alla conferma dell’esistente, se non al peggioramento, come nel caso del lavoro accessorio e all’assurdo sulle collaborazioni che si annunciano abolite dal 2016 ma comunque stipulabili in tanti casi, mentre nulla si dice delle cococo della Pa”.

CONTINUA A LEGGERE