Il PdCI aderisce allo Sciopero sociale

da www.comunisti-italiani.it

Il Partito dei Comunisti Italiani aderisce allo Sciopero Sociale promosso dalle realtà studentesche, dai movimenti contro la precarietà e dalle realtà conflittuali. Consideriamo necessario estendere la lotta contro i provvedimenti del governo Renzi, a cominciare dal JobsAct, che condanna a disoccupazione e precarietà i lavoratori italiani.

Sosteniamo la piattaforma del movimenti per reddito e salario minimi garantiti. Riteniamo queste misure essenziali per l’uscita dalla crisi economica da cui l’Italia e l’Europa intera non riescono a venire fuori a causa delle misure di austerity, delle compatibilità finanziarie europee, della disoccupazione dilagante e della precarizzazione generale del lavoro. Riteniamo inaccettabile, inoltre, l’assenza di politiche a sostegno del mondo della scuola e dell’università, registrando al contrario il crescere delle tasse, dell’abbandono scolastico, la riduzione delle borse di studio e la restrizione degli spazi di democrazia all’interno delle università.

Un Paese che non investe in ricerca e saperi non guarda al futuro ed oltre la crisi ma, all’opposto, costruisce le condizioni per un ulteriore impoverimento generale.

CONTINUA A LEGGERE