E’ proprio vero?

da www.usb.it

Pubblichiamo come contributo alla discussione

La classe politica che ha governato e governa questo paese e gran parte delle forze politiche che si sono avvicendate una volta in maggioranza e l’altra all’opposizione, sono ormai convinte che questo splendido e incomprensibile paese, pur se in progressivo e rapido declino, possa sopportare tutto senza reagire.

Non basta che quasi il 50% della popolazione non vada più a votare o voti scheda bianca, non basta neanche che tanti cittadini votino formazioni politiche che si contrappongono a questa altalena di potere che ci “guida” da decenni.

Se il giovane leader di un partito che di fatto può contare sull’appoggio di poco più del 20% della popolazione dichiara che ormai non lo ferma nessuno, che continuerà a rottamare e che non accetta ricatti, che promette che entro luglio si faranno riforme istituzionali per ridurre la rappresentatività politica esistente nel paese, che colpirà il pubblico, privatizzerà, interverrà nuovamente sul mondo del lavoro dopo aver aumentato la precarietà e ridotto i diritti, nel solco già tracciato dai governi precedenti …allora vuol dire che in questa politica esiste la ferrea convinzione che questo paese non reagirà.

CONTINUA A LEGGERE