Ddl lavoro. Fiom: giudizio negativo sul provvedimento

fiom-cgil2Ddl lavoro. Fiom: giudizio negativo sul provvedimento. Necessario proseguire la mobilitazione fino allo sciopero generale per cambiare il testo in Parlamento
 

La Segreteria nazionale della Fiom-Cgil ha diffuso oggi la seguente nota.
 

“La Segreteria nazionale della Fiom-Cgil esprime un giudizio negativo sul disegno di legge del Governo in materia di mercato del lavoro poiché il provvedimento non riduce la precarietà, non rende universali per tutte le forme di lavoro e per tutte le imprese gli ammortizzatori sociali e il sostegno al reddito. Inoltre, il ddl svuota di valore l’articolo 18, in quanto il risarcimento economico diventa la regola di fronte ai licenziamenti senza giustificato motivo, rendendo il reintegro un miraggio, e non un diritto certo in capo al lavoratore, come confermato anche oggi dal premier Monti.”

“Rimane, inoltre, ancora irrisolto il nodo dell’accesso alla pensione per tutti i lavoratori coinvolti da accordi di ristrutturazione e di crisi.”
 

“La Segreteria nazionale della Fiom considera necessario continuare la mobilitazione, fino allo sciopero generale già proclamato dal direttivo della Cgil, affinché il Parlamento faccia quelle necessarie modifiche che il Governo non ha fatto.”
 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 5 aprile 2012