Comunicato stampa PdCI Toscana sullo sciopero CGIL del 14 novembre 2012

pdciCOMUNICATO STAMPA

14 novembre, adesione Pdci Toscana allo sciopero Cgil contro le politiche d’austerità.
Mango, segretario regionale Pdci : ‘Manifestiamo per salvare il lavoro’.

Il Partito dei Comunisti Italiani della Toscana aderisce alle ragioni politiche e sociali alla base dello sciopero generale indetto a livello europeo per domani, 14 novembre. In Italia aderisce la CGIL quale parte attiva della Confederazione Europea dei Sindacati (Ces). Una mobilitazione contro le politiche di austerità e rigore che proprio l’Europa – e in primo luogo la sua Banca Centrale – impone da tempo a tutti gli Stati, con effetti depressivi per l’economia e peggiorativi delle condizioni materiali di milioni di lavoratori e lavoratrici.

L’attacco ai diritti e al salario marciano di pari passo determinando una devastazione sociale che non ha eguali, dalla fine della seconda guerra mondiale in poi. Incertezza del futuro, nuove emarginazioni di massa, feroci quanto repentine espulsioni dal tessuto produttivo, assenza di una politica di rilancio degli investimenti e di una nuova, seria idea di sviluppo; tutto questo sta compromettendo il destino di un’intera generazione di giovani, condannata al precariato – lavorativo e di vita – permanente, insieme a una generazione di adulti che non riesce ad andare in pensione pur avendo lavorato e contribuito allo sviluppo e alla tenuta di questo Paese. Intanto si salvano le banche, ma non il lavoro. Si fa salvo il capitale finanziario che si arricchisce sulla base di dinamiche speculative, colpendo invece la vita concreta e la dignità di milioni di esseri umani. Serve una svolta. Bisogna cambiare. Un cambiamento impossibile senza l’unità, la forza e la compattezza dei lavoratori del nostro continente. Senza di essi non ci saranno rinnovamento e ripresa economica, oggi davvero urgente, né quella spallata all’Europa dei monopoli e della speculazione finanziaria. I Comunisti saranno a fianco della lotta dei lavoratori europei per aprire la via a una nuova politica economica e a una nuova stagione di affermazione dei diritti sociali e democratici. Una via nuova per l’Italia che deve guardare oltre i profondi guasti prodotti dal berlusconismo prima e dal montismo poi.

Lucia Mango – segretario regionale Pdci e
la segreteria regionale PdCI Toscana

Firenze, 13 novembre 2012