Cesare Procaccini: “Indesit, ennesima svendita all’italiana. Salvaguardare l’occupazione”

da www.comunisti-italiani.it

Un pezzo dopo l’altro dell’industria italiana se ne va, l’elenco è interminabile, sintomo di una nazione in declino industriale ed occupazionale. Questa volta tocca alla Indesit (uno dei rami della famiglia Merloni) ceduto alla statunitense Wirpool. Non è solo la vendita di un marchio tra i più prestigiosi e importanti d’Europa, ma l’ulteriore perdita occupazionale del settore manifatturiero qualificato.

Tutto ciò avviene con l’indifferenza del governo, impegnato com’è a fare una legge elettorale antidemocratica e una controriforma che cambia la natura dello Stato. Siamo molto preoccupati. Come minimo dopo l’esperienza Fiat il Governo e il Parlamento avrebbero dovuto chiedere e pretendere garanzie alla nuova proprietà sul mantenimento almeno degli attuali livelli occupazionali. Ma questo non è stato fatto e ancora una volta i lavoratori rischiano di pagare errori industriali e una politica economica dell’esecutivo del tutto inadeguata.

CONTINUA A LEGGERE