Oggi il mondo della scuola ha alzato la testa. Bocciata la riforma Renzi

da www.comunisti-italiani.it

Difendere la scuola pubblica

Il Partito Comunista d’Italia ha partecipato attivamente oggi allo sciopero generale della scuola e sostiene le ragioni della straordinaria mobilitazione unitaria di docenti, personale amministrativo, tecnico, ausiliario, dirigente della scuola, da mesi impegnati, così come gli studenti, contro il ddl di riforma del governo Renzi, che mette in pericolo l’esistenza stessa della scuola pubblica.

Il processo che piega da anni le politiche pubbliche agli interessi dei grandi poteri economici, culminato nel jobs act, trova il suo naturale sviluppo nel ddl sulla scuola: si ipotizza una radicale spoliazione dei diritti fondanti riconosciuti dalla Costituzione al nostro sistema di istruzione ed alla sua funzione primaria, l’insegnamento, che viene ad essere privato di ogni garanzia.


CONTINUA A LEGGERE