Ripensare l’intero sistema

da cercareilvero.wordpress.com

Riceviamo e pubblichiamo come contributo al dibattito

La sfiducia negli italiani nelle varie colonne portanti del nostro sistema democratico è molto alta. Pressochè totale la sfiducia verso la politica, partiti o istituzioni che siano.

Un anno fa (dicembre 2013) il quotidiano La Repubblica pubblicava un articolo dove venivano esposti dati riguardanti la fiducia dei cittadini in varie istituzioni. I sondaggi vennero fatti da Ilvo Diamanti.

Da questi sondaggi emergeva come, per il 48,5% degli intervistati, la democrazia può funzionare anche senza partiti politici. Detta in un altro modo: un italiano su due non considera i partiti politici essenziali per il funzionamento della democrazia (liberale). Nel 2008, alla stessa domanda, chi non riteneva essenziali i partiti era il 42% degli intervistati. Allo stesso tempo, però, “circa 5 italiani su 10 dichiarano, infatti, di aver frequentato, nel corso del 2013, manifestazioni politiche, di tipo tradizionale e nuovo (attraverso la Rete o il consumo responsabile). Oltre 6 affermano, ancora, di essere stati coinvolti in attività di partecipazione sociale. I più giovani (15-24 anni), in particolare, mostrano un coinvolgimento molto ampio (36%) nelle manifestazioni di protesta e nelle mobilitazioni “in Rete””[1].

CONTINUA A LEGGERE