Comunicato segreteria del PdCI di Brescia sulle elezioni regionali

da comunistibrescia.org

Le elezioni regionali di novembre, Emilia-Romagna e Calabria, esprimono dati drammatici di astensione e di spostamento a destra dell’elettorato . La crisi sociale morde e lascia il segno.

Coloro che si riconoscono nel governo diventano gruppo sempre più sparuto ancorché preponderante, degna rappresentazione di una oligarchia: una vittoria di minoranza.

In una Regione Emilia Romagna falcidiata dalle condanne e dagli avvisi di garanzia, va a votare solo un elettore su tre e la maggioranza, che si attesta al 50%, viene espressa da un elettore su sei. Non si sono mobilitate né le strutture del PD (in disarmo evidente, un disarmo evocato dal premier), né quelle del sindacato.

Neanche il successo della Lega 30% , un elettore su 10, sfugge a questo dato perché non lo inverte.

CONTINUA A LEGGERE