Costituzione, un coordinamento per fermare le controriforme

da www.comunisti-italiani.it

Obiettivi chiari e unità d’intenti: sono le due caratteristiche principali della discussioni svoltasi alla Camera dei Deputati per la presentazione del Coordinamento per la Democrazia costituzionale lunedì scorso.

Approfondimento e proposta politica sono state le costanti di un dibattito a cui il Partito Comunista d’Italia ha partecipato ed intende partecipare nelle prossime settimane. Compatta e unitaria è stata la presenza delle forze della sinistra politica, sindacale e dell’associazionismo. Le relazioni iniziali di Alfiero Grandi e di Domenico Gallo hanno rappresentato in tutta la loro regressività i tentativi di controriforma ed espresso la necessità di una risposta, forte ed immediata. 

Spunti diversi ed approcci con note differenti sono emersi rispetto alla battaglia da portare avanti nelle prossime settimane e non poteva essere altrimenti: è stata consapevolezza comune che la lotta per la difesa e l’attuazione della Costituzione non è praticabile in un modo solo. La Costituzione parla a tutti: attraversa i ceti sociali, le generazioni e le sensibilità culturali. E’ naturale, pertanto, che questa lotta si declini in differenti modalità. Per quello che compete la sinistra politica, questa modalità dev’essere la più unitaria ed innovativa possibile.

CONTINUA A LEGGERE