Strage migranti – Contro l’ipocrisia, politiche di accoglienza e di giustizia sociale

da www.comunisti-italiani.it

In questi giorni abbiamo mantenuto un mesto e rabbioso silenzio di fronte all’ennesima tragedia che si è compiuta al largo delle coste meridionali dell’Italia. Un silenzio dettato da un forte senso di impotenza e di frustrazione, per il fatto di non poter incidere concretamente. Quei morti sono anche la nostra sconfitta. Abbiamo ripetutamente scritto e affermato la nostra netta condanna verso una legge per l’immigrazione – la Bossi-Fini – che peraltro in assoluta continuità con le precedenti considera i cittadini migranti alla stregua di novelli schiavi, da spremere finché servono per poi rispedirli al mittente. Confermiamo a pieno la nostra analisi e il nostro giudizio.

Ma oggi assistiamo ad un fattore nuovo e non meno grave del passato. Il governo Renzi cerca di sfruttare la tragedia di un Mar Mediterraneo trasformato in una bara, per il conseguimento di obiettivi geopolitici e per riaffermare il peso dell’Italia all’interno dell’Alleanza Atlantica come potenza di controllo del bacino Mediterraneo. Una politica miope e pericolosa che può portarci all’interno di conflitti dai difficili contorni.

CONTINUA A LEGGERE