Siria: ferma condanna verso gli atti di guerra di Israele

dichiarazione di Maurizio Musolino, coordinatore del Dipartimento Esteri Pdci

Israeli-jet-strikes-syria-300x225Quanto accaduto nella giornata di ieri in Siria rappresenta l’ennesimo atto di Israele contro ogni legalità internazionale. L’esercito di Tel Aviv ha condotto infatti una operazione di guerra alle porte di Damasco bombardando un sito di ricerche militari, uccidendo e ferendo cittadini siriani. E’ questa la prima azione militare straniera diretta in appoggio ai rivoltosi, un escalation che rischia di far sprofondare tutta l’area nel caos e nel baratro di violenze dai risvolti imprevedibili.

Sorprende e indigna il silenzio che tutte le principali forze politiche italiane che hanno sostenuto il governo Monti stanno avendo verso questa aggressione alla sovranità della Siria. Dove è finito l’attivismo del ministro Terzi che da mesi non perde occasione per intromettersi negli affari interni della Siria? Cosa sarebbe successo se a bombardare siti israeliani (paese che unico nella regione possiede armi nucleari) fossero stati i siriani?


Denunciamo questa politica estera ingiusta e complice di guerre e occupazioni!

I Comunisti Italiani inviano a tutto il popolo siriano la loro convinta solidarietà e condannano il grave atto di guerra che ha colpito il Paese. Il Pdci riafferma la necessità che in tutto il Medio Oriente possa affermarsi in tempi brevi una legalità che senza alcuna eccezione difenda il diritto dai soprusi e dalle prevaricazioni di chi non ha mai smesso di considerare questa regione terreno di caccia e depredazioni.