Siria. A. Lavrentiev il Rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per la Siria, ha denunciato che alcuni paesi creano ostacoli artificiali al ritorno dei profughi siriani in patria.

vigna lavrentievdi Enrico Vigna

Dopo oltre due mesi dalla Conferenza, i risultati tangibili sono stati molto limitati, e il Rappresentante russo ha inoltre ribadito che il ritorno dei profughi in Siria aiuterà a risolvere il problema del terrorismo. 

La Conferenza internazionale sui rifugiati e sugli sfollati interni si era svolta a Damasco nel novembre 2020 e vi avevano partecipato delegazioni di 27 stati, tra cui Russia, Cina, Iran, Libano, Emirati Arabi Uniti, Sultanato dell’Oman e Pakistan, oltre a rappresentanti delle Nazioni Unite e 12 organizzazioni non governative. Il compito del Forum doveva essere quello di sviluppare un programma di misure concrete per far tornare in patria più di 6,5 milioni di profughi siriani, la maggior parte dei quali si trovano nei paesi vicini.

La delegazione russa comprendeva esperti di oltre 30 ministeri e dipartimenti, ed era guidata da Alexander Lavrentyev. Il Forum è stato moderato dal viceministro degli Esteri siriano A. Sousan. Si erano tenute quattro sessioni plenarie su vari aspetti del problema dei rifugiati e tre tavole rotonde.

“…affinché i profughi siriani possano tornare in patria, è necessario creare condizioni dignitose per loro. Ciò richiede, ovviamente, sostegno materiale e finanziario da quasi tutti i paesi. Poiché le case sono distrutte, le infrastrutture sono distrutte. Dobbiamo creare almeno le condizioni minime di base vita per le loro vite…”, ha detto il Rappresentante russo.

Il rifiuto degli Stati Uniti di partecipare alla Conferenza di Damasco sui rifugiati è stata la prova di doppi standard in relazione alla Siria, anche secondo le dichiarazioni del ministro degli Esteri russo S. Lavrov . Non si può dimenticare il rifiuto ingiustificato di una certa cerchia di paesi guidati dagli Stati Uniti, a partecipare al Forum umanitario di Damasco, che era in conformità con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza dell’Onu , così come i loro tentativi di interferire con essa.Consideriamo questo approccio dei nostri oppositori un’ulteriore prova di doppi standard nei confronti della Siria, che stanno cercando di rendere ostaggio di interessi geopolitici strettamente egoistici, non sorprende che questa posizione sia presa proprio da quegli stati che sono stati direttamente coinvolti nel soffiare sul fuoco siriano e hanno fornito e continuano a fornire supporto alle forze antigovernative, compresi i terroristi “, ha ribadito il ministro degli Esteri russo.

Alexander Lavrentyev, ha detto a Kommersant e alla TASS chepersiste un’opposizione apertamente ostile da paesi ben noti. Non li nominerò con un’altra parola se non quella di “metodi sporchi” che, onestamente, fanno temere per il futuro. In precedenza, non era così, c’era un codice d’onore per le relazioni internazionali. Ora è stato completamente distrutto. Ad esempio, nel caso della conferenza di Damasco, molti paesi avevano ricevuto un avvertimento: se partecipavano, dovevano tenere presente che avrebbero avuto sanzioni contro di loro. Sono molto preoccupato per questo, ma i problemi devono essere risolti.Trasformare la questione umanitaria in una questione politica è un metodo non degno di grandi potenze.

Ad una domanda la quale sottolineava che molti esperti affermano che il processo di riconciliazione, in cui è impegnata anche la Russia, principalmente nella Siria meridionale, sia fallito e che la situazione è in alcune aree è sempre difficile, il rappresentante russo ha dichiarato: “ “ La domanda è molto difficile. E non può essere sciolta dall’oggi al domani. Per risolverla sono necessarie solide risorse finanziarie. Se riusciamo a fornire alla popolazione delle regioni meridionali  a Daraa, El Sueida e altre, tutto ciò di cui hanno bisogno, creando loro condizioni di vita dignitose, allora, penso, nessuno avrà il desiderio di sostenere sovversioni. Purtroppo l’attività terroristica recentemente si è intensificata. Purtroppo molti chiudono un occhio su questo, ma guardate quanti atti terroristici si verificano in Siria quasi ogni giorno contro rappresentanti di strutture di potere e unità dell’esercito. Ma la cosa più ignobile è quella degli assassinii delle  le persone che hanno accettato la riconciliazione. Responsabili  sono i radicali che sono a Daraa, i quali non possono accettare questo processo. Per questo, lì  la situazione è difficoltosa. Però, penso di essere una persona che ha passato e visto tante cose, ma comunque mi viene un nodo alla gola, quando vedo i bambini, nelle regioni riconquistate dallo stato siriano,  che giocano con serenità e una semplice felicità negli occhi, nonostante tutto. E allora tu pensi: grazie a Dio che siamo riusciti a proteggerli, siamo riusciti a dare loro la possibilità di imparare e crescere. Soprattutto sullo sfondo di ciò che sta accadendo invece  nei territori controllati dagli Stati Uniti, a El-Khol, o Rukban.

Alla domanda se non teme che con l’arrivo della nuova amministrazione americana, Washington intensificherà il suo lavoro con l’opposizione siriana e con i curdi, così ha risposto Lavrentyev : Potranno  intensificare ancora di più il loro impegno con i curdi? Si prendono già cura di loro da vicino e non danno loro la possibilità di dialogare con Damasco. Il processo di riavvicinamento tra Damasco e i curdi, a cui la Russia sta lavorando è in corso. Tra i curdi c’è chi crede che l’unico modo possibile per raggiungere la pace sia un accordo con Damasco, con il dialogo.

Ora stiamo lavorando a una conferenza nel formato Astana, con Turchia, Russia e Iran, a Nursultan al più presto.La Russia è molto paziente. Aspettiamo da più di otto mesi, che la Turchia faccia i passi stabiliti a marzo, ma allo stesso tempo siamo in stretto contatto con i rappresentanti  turchi. Le notizie che Ankara vuole ottenere il controllo su Tell Rifat e Manbij in cambio dell’abbandono dei posti di osservazione intorno alla zona di riduzione dell’escalation di Idlib, vengono dal regno delle voci. Il governo siriano non accetterà mai questo. Naturalmente, non sosterremo mai una simile soluzione al problema.

Lavrentiev ha anche ribadito la questione del ritiro dell’esercito turco dalla Siria.

“…La questione del ritiro delle forze turche dalla Siria è sempre stata sollevata dalla parte russa e su questo c’è una garanzia della Turchia. L’esercito turco lascerà Idlib non appena vi saranno le condizioni di sicurezza per la residenza dei cittadini siriani in questi territori e il focolaio del terrorismo sarà distrutto, l’esercito turco lascerà il territorio di quell’area …”,, ha detto a RIA Novosti, Lavrentiev.