Perché la Turchia ha abbattuto il Sukhoi russo?

turchia su24di Thierry Meyssan | da megachip.globalist.it

La Turchia ha avuto una pessima ispirazione nell’abbattere un aereo russo che era entrato per 17 secondi nel suo spazio aereo. L’operazione che era stata concepita per far capire alla Russia che non dovrebbe interferire nella Terza Guerra di Siria – destinata a creare uno stato coloniale nel nord del paese e a trasferirvi i curdi della Turchia – ha avuto l’effetto contrario. Mosca rafforza i suoi mezzi anti-aerei in Siria e isola la Turchia. Ankara perde il beneficio dell’accordo verbale segreto a suo tempo raggiunto con Hafez al-Assad. Londra, Parigi e Tel Aviv non sanno più come portare avanti il loro piano.

Damasco (Siria) – Alla fine della guerra civile turca, la Turchia minacciò di invadere la Siria con l’aiuto della NATO qualora avesse continuato a concedere asilo al leader del PKK Abdullah Öcalan. Il presidente Hafez Al-Assad chiese allora al leader del PKK di trovarsi un altro asilo e fu costretto a stipulare un accordo verbale con la Turchia. Venne convenuto che l’esercito turco avrebbe potuto entrare in territorio siriano, in una striscia di terra di 8 chilometri di profondità, in modo da garantire che il PKK non potesse sparare colpi di mortaio dal territorio siriano.

CONTINUA A LEGGERE