Libia. Truppe e flotte europee pronte a intervenire. Preparatevi alle media/menzogne

da Contropiano.org

Centinaia di soldati britannici sono pronti ad andare in Libia come parte della missione militare internazionale tesa a “stabilizzare” il paese nordafricano e combattere le milizie dell’Isis. Ufficialmente la missione Eunavformed ha l’obiettivo di contrastare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo, ma, secondo quanto rivela il quotidiano inglese The Times, “Il personale militare di Italia, Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti potranno anche prendere parte ad un’operazione che sembra destinata ad essere attivata una volta che le fazioni in lotta rivali all’interno Libia decidano di formare un unico governo di unità nazionale”.

Dopo la firma dell’accordo due settimane fa a Skirat, in Marocco, la settimana prossima il mediatore dell’Onu, Bernardino Leon, proverà a far partire la discussione sugli “allegati” dell’accordo. Il che significa iniziare a discutere della formazione del nuovo governo, selezionare il primo ministro, i due vice-premier e il consiglio di presidenza che poi guiderà il governo. Il problema, e non è un piccolo problema, è che il governo di Tripoli, espressione di milizie vicine ai Fratelli Musulmani, non ha firmato l’accordo. L’operazione militare di “stabilizzazione” a questo punto non può che diventare una missione di sostegno militare ad una delle fazioni libiche – quella di Tobruk – contro un’altra fazione – quella di Tripoli.

CONTINUA A LEGGERE