La Germania e l’ONU contro la Siria

di Thierry Meyssan
da www.voltairenet.org

I neoconservatori e i falchi liberal che hanno a lungo preparato – a partire dal 2001 – la guerra contro la Siria, si sono appoggiati a partire dal 2005 su svariati stati della NATO e del Consiglio di cooperazione del Golfo. Se si conosce il ruolo giocato dal generale David Petraeus nel lanciare e proseguire la guerra fino ad oggi, due personalità -Jeffrey Feltman (numero 2 dell’ONU) e Volker Perthes (direttore del principale think tank tedesco) – sono rimaste nell’ombra. Insieme con il sostegno di Berlino, hanno usato e continuano a manipolare le Nazioni Unite a per distruggere la Siria.

Il 2005, quando Jeffrey Feltman, allora ambasciatore americano a Beirut, sovrintese all’assassinio di Hariri, si appoggiò alla Germania, sia per l’omicidio in sé (Berlino fornì l’arma) [1] sia per la Commissione dell’ONU incaricata di accusare i presidenti Assad e Lahoud (il procuratore Detlev Mehlis, il commissario di polizia Gerhard Lehmann e la loro squadra). La campagna internazionale contro i due presidenti fu in particolare animata dal politlogo tedesco Volker Perthes [2].

CONTINUA A LEGGERE