Il caso “Datagate – Edward Snowden”

Elaborazione e traduzioni di Curzio Bettio, Soccorso Popolare di Padova

julian assangeDichiarazioni di Julian Assange dopo un anno da rifugiato politico nell’Ambasciata dell’Ecuador a Londra

Julian Paul Assange (Townsville, 3 luglio 1971) è un giornalista, programmatore e attivista australiano, noto principalmente per la sua collaborazione al sito WikiLeaks, del quale è co-fondatore e caporedattore a partire dal 2007. Il 28 novembre 2010, dopo averlo annunciato diverso tempo prima, WikiLeaks rende di pubblico dominio oltre 251.000 documenti diplomatici statunitensi, molti dei quali etichettati come “confidenziali” o “segreti”. Per questo, negli Stati Uniti lo attende un processo per spionaggio. L’accusa per spionaggio, negli Stati Uniti, può costare l’ergastolo e anche la pena di morte. Il 18 novembre 2010 il tribunale di Stoccolma spicca un mandato d’arresto in contumacia nei suoi confronti, mentre Assange si trovava a Londra, con l’accusa di stupro, molestie e coercizione illegale. Il reato contestatogli sarebbe quello di aver avuto in Svezia rapporti sessuali non protetti, seppur consenzienti, con due donne, e di aver successivamente rifiutato di sottoporsi ad un controllo medico sulle malattie sessualmente trasmissibili, condotta considerata criminosa dalla legge svedese. 


CONTINUA A LEGGERE