Gentiloni torna a parlare di Siria in Aula. Il contributo dell’Italia? “Lavorare per la destituzione di Assad”

da www.lantidiplomatico.it

Rispondendo in Aula ad un’interrogazione dell’on. Quartapelle, il ministro degli esteri Paolo Gentiloni ha affrontato mercoledì pomeriggio in Aula la crisi siriana alla luce del cessate il fuoco annunciato da Russia e Stati Uniti. Il ministro degli esteri italiano ha affermato che il Gruppo di sostegno per la Siria, di cui l’Italia fa parte (con tutti i principali finanziatori e sostenitori dell’Isis, in particolare l’Arabia Saudita, ma questo Gentiloni dimentica sempre di ricordarlo) ha raggiunto l’obiettivo di due punti importanti: dare accesso agli aiuti umanitari e inizio del cessate il fuoco. 

Secondo il ministro Gentiloni, sul primo punto, sugli aiuti umanitari, “il regime di Assad” è colpevole perché a giorni alterni permette l’arrivo dei convogli umanitari nelle zone dal suo esercito assediato. “Alcuni giorni lo nega tanto che nei prossimi giorni si procederà con air drops”, queste le parole del ministro. In Siria, dopo che l’Isis era arrivato ad un passo da Damasco, l’esercito siriano, grazie all’intervento dell’aviazione russa e dei suoi alleati regionali, ha iniziato la liberazione del paese. Si tratta di liberazione contro chi ha assediato le città in passato. Ma Gentiloni, come la stampa italiana tutta, capovolge la situazione con una delle azioni di falsificazione più sporca della storia recente. Ricordiamo qui le parole illuminanti che Fulvio Scaglione, vice-direttore di Famiglia Cristiana, ha scritto a proposito: “Forse non lo sapevate ma in questi ultimi giorni, e solo in questi ultimi giorni, il mondo delle persone perbene, di coloro che hanno a cuore la libertà, è angosciato dall’assedio di Aleppo. Il che è un po’ curioso, perché Aleppo è sotto assedio da tre anni e mezzo.”

CONTINUA A LEGGERE