FGCI: Siria, contro la guerra parte la mobilitazione

fgciSiamo di fronte a quella che si configura come l’ennesima guerra imperialistica ai danni di un Paese reo di non rientrare nei piani dell’Occidente. La storia si ripete sempre due volte, la prima come tragedia, la seconda sotto forma di farsa, ed è questo sicuramente il caso della Siria.

Una situazione straordinariamente simile a quando, ormai dieci anni fa, una folle decisione di Bush autorizzava l’invasione dell’Iraq con la sterile accusa del possesso di armi di distruzione di massa. Dieci anni dopo il film è lo stesso, senza uno straccio di prova su chi abbia usato il gas, gli Stati Uniti hanno già deciso cosa fare, e tutti i loro alleati accettano in modo prono la loro decisione. Come Fgci vogliamo urlare la nostra indignazione per l’ennesima guerra imperialistica il cui unico scopo è mascherare interessi economici innominabili dietro l’ennesima lotta per tutelare i diritti umani.

Siamo di fronte a uno Stato, gli Stati Uniti d’America, che hanno rivoltato il mondo come un calzino per dodici anni contro il terrorismo islamico per poi voler intervenire in Siria proprio a vantaggio di queste forze. In questi cupi momenti la Fgci si unisce quindi a tutti coloro che intendono lottare per la pace e contro la guerra in Siria, difendendo il diritto della Siria a esistere come Stato indipendente e a difendersi dal terrorismo. Infine vorremmo lanciare un appello alle forze di sinistra e al Parlamento Italiano affinchè, almeno in questa circostanza, venga applicato l’articolo 11 della nostra Costituzione, troppe volte rimasto lettera morta di fronte ai diktat dei nostri “alleati”.

Fgci Nazionale