Dalla Svizzera un appello per la pace in Siria!

La Svizzera non deve partecipare all’ingerenza estera

arsenale armiNoi, firmatari di questo appello, vogliamo la pace in Siria e in Medio Oriente. Osserviamo con preoccupazione l’intensificarsi del conflitto siriano e il ruolo che gioca la Svizzera in questa situazione umanitaria allarmante. 

Migliaia di siriani sono stati uccisi o sono in una situazione di terrore. La violenza aumenta costantemente, riducendo le chanche di una risoluzione politica e pacifica del conflitto.

Il dialogo tra il governo, l’opposizione e la società civile è la condizione imprescindibile per la risoluzione del conflitto. Gli sforzi di pace della comunità internazionale, specificatamente il piano di Kofi Annan, partivano da questa esigenza. Ma non tutti gli sforzi sono andati in tale direzione. La fornitura di armi, il sostegno logistico alla lotta armata e alla retorica di guerra orchestrata dai governi occidentali, le monarchie del Golfo e il governo turco distruggono tutte le speranze di pace.

Solo i siriani hanno diritto di cambiare, secondo i propri desideri, la situazione nel loro paese. Tuttavia la sovranità del popolo siriano non viene rispettata e così facendo si infrange il diritto internazionale. Le conseguenze sono chiare: la destabilizzazione della Siria e di tutta la regione. 

La Svizzera e la sua industria d’armamenti sono entrambi implicati nei conflitti che toccano il Medio Oriente. Già durante il caso libico, il Qatar ha fornito armi svizzere ai ribelli. In seguito a un sospensione temporanea, l’autorizzazione di esportazione d’armi verso il Qatar fu ristabilita. Le autorità svizzere sono rimaste soddisfatte dalla spiegazione ufficiale: l’ammissione da parte di questo paese di aver commesso un errore. Non è sorprendente che con tale lassismo ci ritroviamo oggi con delle granate svizzere tra le mani dei ribelli siriani, rendendo la Svizzera complice dell’instabilità all’interno della regione. 

Allo stesso tempo la Svizzera emana delle sanzioni nei confronti della Siria che deteriorano ulteriormente la situazione del popolo siriano e incoraggiano i ribelli a proseguire nella violenza. Il Dipartimento federale degli affari esteri ha inoltre finanziato una riunione dell’opposizione siriana destinata a preparare lo scenario nel caso di un’eventuale destituzione del governo siriano. Il governo svizzero calpesta così in modo eclatante la neutralità e compromette i suoi impegni per la pace e per le soluzioni multilaterali.

L’ingerenza negli affari interni siriani e il sostegno alle forze islamiste radicali non sono le uniche questioni scottanti. Il pericolo di un intervento armato straniero è reale. Il presidente francese François Hollande parla apertamente di guerra contro la Siria. Ciò s’inscrive nel disegno dei fautori di un intervento, che vorrebbero, attraverso un azione militare, porre la Siria nel caos, come successo a tutti i paesi invasi dalle forze della NATO.

Noi ci opponiamo in modo chiaro a qualunque intervento militare in Siria. Una guerra come quella contro la Libia non deve ripetersi. Migliaia di persone sono morte sotto le bombe della NATO. La forza delle armi non costruisce la democrazia, ma i cimiteri.

Noi attendiamo la stessa posizione da parte del Consiglio Federale.

Concretamente noi domandiamo:

1. Di rispettare strettamente la sovranità del popolo siriano e di trattare qualunque ingerenza negli affari interni siriani come una violazione del diritto internazionale

2. Di rompere le relazioni (commerciali) con i paesi che non rispettano la sovranità della Siria e che promuovono una politica di escalation contro questo paese

3. Di rivedere tutta la retorica di guerra e d’intervento militare nei confronti della Siria

4. Di opporsi a qualunque risoluzione dell’ONU che aumenti la pressione sulla Siria e che di fatto possa aggravare le tensioni

5. Di sospendere le sanzioni contro il popolo siriano

6. Di assicurarsi che lo spazio aereo e terrestre svizzero non sia utilizzato militarmente contro la Siria

7. Di cessare qualunque esportazione di armi

Gli stati dell’Europa occidentale, tra cui la Svizzera, devono contribuire a trovare una soluzione al di fuori del conflitto armato. Per questo bisogna rinunciare all’escalation e al linguaggio di guerra. I popoli possono spingere i loro governi a cambiare politica, é attraverso questa prospettiva che noi proponiamo il nostro appello per mettere fine all’ingerenza, formando un largo movimento in favore della pace.

Rete delle Gioventù Comuniste Svizzere

– Movimento Svizzero per la Pace

– Njet! Giornale della Gioventù comunista
– Partito Comunista Ticino
– Partito Svizzero del Lavoro
– Partito del Lavoro di Zurigo
– Partito del Lavoro di Berna
– Partito del Lavoro Basilea (1944)
– Nuovo Partito del Lavoro Basilea
– Giovani del Partito Operaio Popolare di Neuchâtel
– Associazione Svizzera-Cuba
– Associazione Svizzera-Vietnam
– Chemarx.org (Centre Helvetiques d’Etudes Marxistes)
– Collettivo Scintilla – Ticino
– I comunisti – Ginevra
– “On y va!” Globalizziamo la solidarietà
– Associazione dei socialisti religiosi