Canti e balli per la pace, poi il terribile boato (video)

Bombe Ankara2di Patrick Boylan
da www.peacelink.it

Circa cento morti e centinaia di feriti in un attentato ad Ankara (Turchia), il 10-10-2015, contro una manifestazione che aveva come slogan “Contro la guerra, pace ora”. Facciamo diventare nostro questo slogan, in segno di solidarietà!

Nella Turchia del Primo Ministro Recep Tayyip Erdoğan, marciare per la pace è sovversivo e ti espone ad attentati. Questo è il messaggio che due kamikaze hanno inviato al popolo della pace che, ad Ankara il 10-10-2015, sfilava contro la politica filo-Isis e anti-curda di Erdoğan. 

Filo-Isis?

Infatti, da quattro anni la Turchia alimenta la guerra per procura tuttora in corso in Siria, foraggiando le varie formazioni di guerriglia – persino l’Isis – allo scopo di rovesciare il governo di Assad e di ridurre la Siria in brandelli, ponendo fine così alle antiche rivalità egemoniche tra i due stati confinanti.

CONTINUA A LEGGERE