Un’alleanza euro-asiatica fra Russia e Turchia? Nuove prospettive geopolitiche per i comunisti

da www.sinistra.ch

ip pcfr salaSi è svolta nei giorni scorsi a Mosca, senza che nessun media occidentale ne riferisse, un importante colloquio che ha gettato le basi per un’alleanza euro-asiatica che potrebbe fungere da alternativa al dominio globale imposto dagli Stati Uniti con la complicità dell’Unione Europea, subalterna a Washington. L’idea euro-asiatica non è una novità: da tempo se ne discute soprattutto nelle repubbliche ex-sovietiche e in alcuni paesi medio-orientali, in cui il sentimento anti-occidentale sta aumentando a seguito della politica imperialista che Bruxelles e Washington continuano ad esercitare sulla regione. Protagonisti di questa linea sono due partiti apparentemente molto diversi fra loro, ma in realtà fra le organizzazioni politiche più interessanti nei rispettivi paesi. Da un lato troviamo il partito erede dell’esperienza di governo dell’ex-Unione Sovietica, quel Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) guidato da Gennadj Zyuganov che è attualmente il secondo partito piû forte del paese e la principale forza di opposizione parlamentare al governo di Vladimir Putin. Dall’altro lato un partito di ispirazione maoista che si riconosce quale continuatore della rivoluzione kemalista, il Partito dei Lavoratori di Turchia (IP) guidato da Dogu Perinçek. 


CONTINUA A LEGGERE