Stato di Palestina: il governo Renzi decide di non decidere

state-palestinada www.comunisti-italiani.it

Ancora una volta Renzi decide di non decidere e sul Medio Oriente finisce per sostenere le politiche di guerra del governo ultrasionista di Netanyahu. La decisione di votare due mozioni dai contenuti ben diversi fra loro è offensiva, sconcertante e irritante. Dopo lunghi rinvii, che hanno relegato l’Italia ad un angolo rinnegando decenni di politica estera basata sul dialogo e la cooperazione con i Paesi arabi, l’esecutivo guidato dal segretario del Pd ha infatti tirato fuori dal cappello di prestigiatore un coniglio che ben rappresenta l’attuale peso politico del nostro Paese.

Sappiamo bene che il riconoscimento dello stato di Palestina non potrà essere la soluzione di una questione che ha origini ben lontane: dalla volontà del blocco imperialista di continuare a depredare e controllare quella regione del mondo. Ma il riconoscimento è un atto dovuto e deve avvenire senza precondizioni.

Siamo consapevoli che il Medio Oriente non potrà trovare pace fintantoché giustizia e diritto non prevarranno e le politiche neocoloniali – rappresentate dalla Nato – saranno messe al bando. Una giusta soluzione alla questione palestinese è l’unico passo per sconfiggere estremismi e settarismi che oggi sembrano dilagare in quell’area del mondo.

CONTINUA A LEGGERE