Nota del Dipartimento Esteri del Pdci su Isil e bombardamenti Usa in Iraq e Siria

da www.comunisti-italiani.it

I bombardamenti di questi giorni delle postazioni dello Stato Islamico in Iraq e in Siria nascondono ben altre intenzioni. Gli Stati Uniti non possono infatti avere nessuna credibilità. Stiamo assistendo a copioni già visti: dovendo giustificare l’ingerenza negli affari degli Stati sovrani, Washington cerca di cogliere ogni occasione che si presta, ad esempio il gruppo siriano Khorasan, guidato da uno dei fedeli di Bin Laden, che starebbero progettando degli atti terroristici negli USA e in altri paesi occidentali. Ma se i servizi degli USA davvero avessero informazioni sulla preparazione di attacchi terroristici nel territorio americano, lo direbbero alla stampa o cercherebbero di prevenire gli attentati? Contraddizioni, ma non troppo.

Da decenni le amministrazioni Usa finanziano e addestrano terroristi islamici al fine di utilizzarli per i loro progetti di destabilizzazione della regione. Il piano è sempre lo stesso abbattere gli Stati nazionali e sfaldarli, dividendoli in unità tribali e confessionali. La vecchia logica del “divide et impera”. Basterebbe ricordare Bin Laden, creato dalla Cia in funzione anti Urss in Afghanistan, oppure la vicenda dei Balcani, dove per distruggere l’ex Jugoslavia si è soffiato sulle ceneri della parte minoritaria di una identità musulmana storicamente dialogante e tollerante.

CONTINUA A LEGGERE