L’Italia si dissoci dall’addestramento turco-statunitense di jihadisti futuri e presenti in Siria

jihadist trainingLa Rete No War al ministro Paolo Gentiloni, con richiesta di incontro

Egregio ministro degli Esteri, Le scriviamo per invitarLa a dissociarsi dalla dissennata decisione da parte degli Stati uniti e della Turchia di addestrare (ulteriori) 5mila militanti di gruppi armati cosiddetti “moderati” in Siria, affinché combattano contro l’autoproclamato “Stato islamico” e al contempo contro il governo di Damasco.

Le scriviamo come cittadini italiani e come membri di Rete No War, rete pacifista molto attiva negli ultimi anni contro le molteplici azioni sbagliate dei governi occidentali, azioni reiterate che in particolare sugli scenari libico e siriano hanno portato – è ormai di un’evidenza abbagliante – all’affermarsi dello sconvolgente terrorismo sedicente islamico.

L’errore è stato troppo spesso ripetuto. Come Lei ben sa, la Nato in Libia ha finito per fare da forza aerea di gruppi jihadisti. E in Siria, gruppi armati dell’opposizione hanno goduto dal 2012 dell’appoggio economico, logistico e diplomatico da parte del gruppo di sedicenti “Amici della Siria” (fra questi Arabia saudita, Qatar, Turchia, Usa, Francia e Gran bretagna…e purtroppo Italia). L’addestramento da parte turca-statunitense non è niente di nuovo. E’ un errore reiterato.

E che risultato ha dato? Anche gruppi di opposizione chiamati “moderati”, spesso si sono alleati o sono passati con al Nusra o con Daesh in un continuo sistema di porte girevoli; in altri casi, sconfitti sul campo, hanno comunque ceduto le armi a quei gruppi terroristi. Abbiamo documentato più volte questo fenomeno. Così, anche questa volta le persone addestrate e le relative armi molto probabilmente finiranno nelle mani di terroristi.

Ministro, questo addestramento turco-statunitense è un ennesimo attentato ai siriani. E’ una garanzia che questa guerra che ha distrutto un paese continuerà a lungo.

E’ evidente il doppio gioco di chi parla di negoziati ma alimenta la guerra. L’Italia deve dissociarsi dagli “Amici della Siria” e dalle sue politiche. L’Italia deve rimuovere le sanzioni che peggiorano la tragedia del popolo siriano. L’Italia deve impegnarsi per il dialogo. Basta con i falsi di guerra.

Ci riferiamo anche all’intervento armato dell’Arabia saudita in Yemen. I sauditi, fonte inesauribile di finanziamento di gruppi jihadisti che poi confluiscono nell’Isis, ha messo su una coalizione per schiacciare i ribelli sciiti yemeniti houti, che non sono terroristi.

Come mai invece i ribelli siriani, che hanno dimostrato di passare facilmente a gruppi jihadisti e terroristi, sono coccolati dall’Occidente oltre che dai petromonarchi?

Le chiediamo un incontro per discutere di questi argomenti.

Grazie

Rete No War (per contatti 331-2053435)