Finte aperture e false flag, lotta al terrorismo e insieme addestramento dei terroristi: è così che preparano la pace?

Israeli F-16s at Red Flag2di Patrizio Ricci | da www.siriapax.org

Un drone USA che fa i cerchi in cielo sopra Latakia come per dire ‘abbattetemi’, petizioni a favore di nuove No Fly zone (stile libico), incursioni aeree israeliane contro obiettivi siriani, i vertici dell’amministrazione USA che si contraddicono: la propaganda decisamente manca di fantasia.

E’ noto che tramite paesi terzi c’è un accordo tra il governo siriano ed il comando delle operazioni aeree anti-ISIS: autorizza i caccia alleati a sorvolare senza incidenti il cielo siriano. Questo accordo prevede l’utilizzo da parte della coalizione di tre corridoi aerei al fine di colpire gli obiettivi dello Stato Islamico in Iraq ed al nord del paese. Ovviamente questi corridoi dovevano essere utilizzati solo dagli aerei militari della coalizione internazionale in missione anti-ISIS.

Tuttavia in flagrante violazione di tali accordi, nel mese di gennaio 2015 una di queste ‘corsie’ è stata utilizzata da caccia israeliani per ‘infilarsi’ in profondità in territorio siriano. Lo scopo era quella di neutralizzare alcune installazioni militari deputate alla difesa aerea siriana. 

CONTINUA A LEGGERE