Ancora sangue in Siria

siria 2949506 555128di Pierangela Zanzottera | da www.sibialiria.org

Deir ez-Zor, Ras al-Ain, Hassaké, Salamya, Damasco, Aleppo. Cos’hanno in comune queste cittadine siriane?

Negli ultimi giorni le famiglie che abitano queste località sono state colpite dalle bande alqaediste che popolano la Siria. Bambini, giovani, anziani, donne, nessuno sembra trovare scampo nei loro attacchi criminali insensati.

Solo il 28 maggio scorso è emersa una terribile vicenda avvenuta il 20 aprile 2013 nella cittadina di Jadida al-Fadl, in provincia di Damasco, dove viveva la famiglia di Umm Adnan, madre siriana di 5 figli.

Mentre il più grande si trovava a Quneitra, al confine con i territori occupati da Israele, per difenderla dagli attacchi delle bande armate, un gruppo estremista è entrato nel villaggio e ha invaso la casa della famiglia alla ricerca di armi o di prove in grado di accusarli di essere sostenitori del governo siriano.

CONTINUA A LEGGERE