La Cina tra decarbonizzazione ed economia verde

di Giulio Chinappi

da https://giuliochinappi.wordpress.com

Il professor Hou Jiaru analizza le politiche cinesi in ambito di decarbonizzazione e di sviluppo dell’economia verde, evidenziandone i punti chiave per il pubblico nazionale e internazionale. Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato sul TI Observer di marzo.

Il “doppio obiettivo del carbonio” della Cina, ovvero il raggiungimento del picco di emissioni di carbonio entro il 2030 e la neutralità carbonica entro il 2060, è un argomento degno di nota nelle due sessioni del 2022. Gli incontri di quest’anno stabiliscono il tono per i prossimi passi che la Cina intraprenderà per raggiungere il suo “doppio obiettivo del carbonio” e la sua transizione verso un’economia verde.

Le due sessioni hanno chiarito che per ottenere uno sviluppo a basse emissioni di carbonio, la Cina deve pensare in grande e iniziare in piccolo, pianificare in modo realistico e progredire costantemente. Alla quinta sessione del 13° Congresso Nazionale del Popolo (CNP) il 5 marzo, il presidente Xi Jinping ha sottolineato che la trasformazione verde non è qualcosa che può essere raggiunta dall’oggi al domani; è un processo per stabilire il nuovo modello di sviluppo prima di abolire quello vecchio (先立后破 xian li hou po), non il contrario. Il premier Li Keqiang ha anche menzionato xian li hou po nel Rapporto sul lavoro del governo, affermando che “passi ben ordinati” devono essere presi “in conformità con la pianificazione generale“.

Annunciando il suo “doppio obiettivo del carbonio”, la Cina ha mostrato al mondo che sta agendo in modo proattivo per affrontare la questione globale del cambiamento climatico come potenza mondiale responsabile. Nel suo discorso al dibattito generale della 75ma Assemblea generale delle Nazioni Unite nel settembre 2020, il presidente Xi ha affermato che l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici “traccia il percorso del mondo per la transizione verso uno sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio. Delinea i passi minimi per essere adottato per proteggere la Terra, la nostra patria condivisa, e tutti i Paesi devono adottare misure decisive per onorare questo accordo“. Il presidente Xi ha anche dichiarato che la Cina aumenterà i suoi contributi determinati a livello nazionale adottando politiche e misure più vigorose. “Miriamo ad avere il picco delle emissioni di CO2 prima del 2030 e a raggiungere la neutralità del carbonio prima del 2060“.

È un importante obiettivo strategico per il governo cinese raggiungere il “doppio obiettivo del carbonio” come sua responsabilità di contribuire alla “comunità di un futuro condiviso per l’umanità” e allo sviluppo sostenibile a livello nazionale. Ciò significa che rispetto alle economie sviluppate, una trasformazione socioeconomica ampia e intensiva per un Paese in via di sviluppo come la Cina deve avvenire in un periodo di tempo più breve, e quindi il Paese dovrà superare più sfide. Il “doppio obiettivo del carbonio” richiede alla Cina di adottare una prospettiva a lungo termine nella sua pianificazione dello sviluppo invece di avere semplicemente in mente obiettivi a breve termine e di prepararsi per uno sforzo prolungato. Tuttavia, nell’ultimo anno, per alcuni settori e in alcune regioni, sono emersi segni di fretta di attuare questo obiettivo.

Per quanto riguarda i problemi in erba nel processo di raggiungimento del “doppio obiettivo del carbonio”, le due sessioni hanno trasmesso un messaggio chiaro e decisivo: la riduzione del carbonio “in stile campagna” non è un’opzione. A mio avviso, un tale messaggio si rivelerà corretto, tempestivo e pragmatico e dovrà guidare in modo coerente l’attuazione dell “doppio obiettivo”.

Nel prossimo futuro, il nostro compito principale è quello di “correggere le deviazioni”. Questo può essere interpretato da due prospettive: dal punto di vista cognitivo e dal punto di vista dell’azione.

In primo luogo, correggere le deviazioni cognitive. Secondo gli orientamenti politici nazionali annunciati nelle due sessioni, il “doppio obiettivo” riguarda la trasformazione socioeconomica nazionale. Il raggiungimento di questo obiettivo richiede un coordinamento intersettoriale (ad esempio, culturale, economico, energetico, ambientale e sociale) e il suo impatto si estende a ogni membro e ad ogni aspetto della nostra società. La Cina deve puntare in alto, guardare lontano, ma iniziare in piccolo. Non possiamo permetterci di ignorare le sfide, né il “doppio obiettivo” può essere affrettato.

In secondo luogo, correggere le deviazioni in azione. Nell’ultimo anno, alcune organizzazioni in Cina hanno fatto ricorso alla riduzione del carbonio in stile campagna. Stavano anticipando il “doppio obiettivo del carbonio” in alcuni settori, industrie e aziende, sperando di “porre fine alla battaglia in un colpo solo“. Come si è scoperto, un approccio così semplicistico ha fatto ben poco per aiutare la situazione. Peggio ancora, rappresentava una minaccia considerevole per lo sviluppo economico di alta qualità e la stabilità sociale a lungo termine.

Ancora una volta, quello del carbonio è un doppio obiettivo a lungo termine. La Cina deve compiere piccoli passi per perseguire costantemente tale fine. Non devono esserci più soluzioni arbitrarie e trasversali come in passato. Le due sessioni non avrebbero potuto essere più chiare al riguardo.

È un compito estremamente formidabile e complesso raggiungere l’obiettivo il “doppio obiettivo del carbonio”, che richiede una migliore progettazione dall’alto verso il basso e un uso completo degli strumenti di mercato e amministrativi. Con questo obiettivo in mente, la Cina sta costruendo il suo sistema “1+N” di politiche climatiche, che include impegni per formulare piani di attuazione per diversi settori (ad es. energia, industria, edilizia urbana e rurale, trasporti, agricoltura e aree rurali) e industrie chiave (ad esempio, ferro e acciaio, petrolchimico, metalli non ferrosi, materiali da costruzione, energia elettrica, petrolio e gas). Sono in preparazione anche altre politiche di supporto, riguardanti tecnologia, finanza, assorbimento di carbonio, contabilità, supervisione e valutazione. Un sistema olistico di leggi, standard e istituzioni stroncherà sul nascere qualsiasi approccio arbitrario taglia e brucia, in modo da garantire un’attuazione di successo del progetto.

Il mondo di oggi sta vivendo cambiamenti mai visti in un secolo, non solo per il clima, ma per molto di più. Pertanto, è di particolare importanza contemporanea per i Paesi di tutto il mondo rafforzare il dialogo e la cooperazione nell’affrontare il cambiamento climatico. È imperativo che tutti i Paesi si uniscano per sostenere la governance climatica globale e sfruttare la cooperazione sul clima per gli scambi ambientali, economici, sociali e culturali.

Ora, dato il problema del cambiamento climatico in rapido deterioramento, insieme alla pandemia di COVID-19, la mitigazione e l’adattamento sono diventati i due compiti principali della governance climatica globale. Se la mitigazione è stata al centro degli sforzi passati, una cooperazione più ampia e profonda nell’adattamento ai cambiamenti climatici è, più che mai, la necessità urgente e immediata. Il cambiamento climatico aumenta le probabilità di crisi alimentari e sanitarie globali. Per molti Paesi vulnerabili al clima, compresi quelli in Africa e piccoli Paesi insulari in via di sviluppo, i focolai di coronavirus, con il loro impatto significativo sul sistema di filiera internazionale, hanno solo esacerbato le difficoltà che hanno già incontrato. Nel prossimo futuro, il rafforzamento della resilienza ai cambiamenti climatici attraverso la cooperazione dovrebbe essere in cima all’agenda mondiale.

Secondo il diritto internazionale, il cambiamento climatico è una delle “preoccupazioni comuni dell’umanità” che richiede cooperazione e risposta congiunta. Secondo l’articolo 3 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), le parti dovrebbero proteggere il sistema climatico in conformità con le loro responsabilità “comuni ma differenziate” e le rispettive capacità. L’articolo stabilisce che gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico possono essere compiuti congiuntamente dalle parti interessate. L’UNFCCC sottolinea inoltre che i Paesi sviluppati dovrebbero fornire supporto finanziario e tecnico ai Paesi in via di sviluppo. Questi sono i principi cardine della governance climatica globale.

Gli scambi nel campo della scienza e della tecnologia rilevanti sono sempre stati al centro della cooperazione internazionale nell’affrontare le questioni climatiche. Rispetto all’avanzamento delle frontiere tecnologiche, lavorare insieme sulla scienza di base del cambiamento climatico è molto più importante ora e nel prossimo futuro. Quali sono le connessioni tra il cambiamento climatico e le catastrofi naturali? Qual è l’impatto socioeconomico del cambiamento climatico su scala nazionale o globale? Qual è il trend climatico globale? E cosa significa per il sistema di approvvigionamento alimentare di un Paese e del mondo intero? Spetta alla comunità internazionale fare più ricerca su tutte queste questioni. Data la complessa situazione internazionale, la cooperazione e gli scambi nella ricerca di base dovrebbero andare oltre le scienze naturali per includere i dialoghi e gli scambi nei campi culturali e sociali che sono legati ai problemi del cambiamento climatico.

Il cambiamento climatico è un tema che attraversa tutti gli aspetti della nostra società. Abbiamo bisogno di amare e sfruttare le piattaforme globali per la cooperazione sul clima. In particolare, dobbiamo espandere ed estendere tale cooperazione alla sfera politica, economica, culturale e sociale, in modo che tutti i Paesi possano affrontare le incomprensioni e appianare le loro differenze nel sensibilizzare alla costruzione di una “comunità di un futuro condiviso per l’umanità”.

Essendo la seconda economia più grande del mondo e il più grande Paese in via di sviluppo, la Cina svolge un ruolo indispensabile nella promozione della cooperazione globale nella ricerca e nella governance del clima.

La Cina sta rispondendo attivamente al cambiamento climatico, con il benessere della nazione e lo sviluppo umano a lungo termine al centro della sua iniziativa del “doppio obiettivo”. Il Paese sta adempiendo ai propri obblighi ai sensi dell’UNFCCC in conformità con le sue capacità e le caratteristiche della sua fase di sviluppo. Attraverso azioni concrete, la Cina sta dando un contributo significativo alla protezione ambientale globale mentre si sforza di risolvere i propri problemi ambientali.

Come accennato in precedenza, la Cina si è impegnata a potenziare i contributi determinati a livello nazionale previsti adottando misure politiche più vigorose. In questo modo, la Cina sta raddoppiando i suoi sforzi per affrontare il cambiamento climatico globale, riaffermare il suo sostegno al multilateralismo e rinvigorire l’attuazione dell’accordo di Parigi.