Il bilancio della politica estera vietnamita nel 2023 e le prospettive per il 2024

di Giulio Chinappi

da https://giuliochinappi.wordpress.com


Nel 2023, la politica estera vietnamita ha raggiunto successi significativi, consolidando relazioni globali e contribuendo all’economia. Nel 2024, la “diplomazia del bambù” si concentrerà sulla modernizzazione e l’approfondimento delle relazioni esterne, con particolare attenzione alla diplomazia economica.

Il 2023 si è rivelato un anno robusto per le attività della politica estera in Vietnam, con l’accoglienza di 21 leader stranieri di alto livello, secondo quanto riportato dal Ministero degli Esteri. In un articolo pubblicato venerdì 29 dicembre, il ministro degli Esteri Bùi Thanh Sơn ha affermato che le attività della politica estera del Vietnam nel 2023, sia bilaterali che multilaterali, hanno continuato ad approfondire ed espandere i legami con altri Paesi, portando le relazioni con importanti partner come Cina, Giappone e Stati Uniti a nuovi apici.

Il 2023 è stato un anno di molteplici pietre miliari per gli affari esteri, ha dichiarato Sơn, aggiungendo che le attività del Vietnam in questo settore si sono estese su più continenti, includendo forum e meccanismi multilaterali come ASEAN, ONU, la regione del Mekong, APEC, AIPA, COP28 e BRI.

Il Vietnam ha organizzato 15 visite all’estero per i suoi leader chiave, insieme a 21 visite di leader stranieri di alto livello in Vietnam, affermando la posizione del Paese sulla scena globale. Il ruolo del Vietnam nelle organizzazioni internazionali, come il Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU e l’UNESCO, è stato ben sfruttato per aumentare il prestigio del Paese agli occhi dei partner internazionali. Il Vietnam ha anche contribuito positivamente alle questioni globali comuni, come la lotta contro il cambiamento climatico, le operazioni di peacekeeping sotto l’egida delle Nazioni Unite in Africa e l’invio di forze di ricerca e soccorso in Turchia in occasione del terremoto che ha colpito il Paese quest’anno.

Le attività di diplomazia economica hanno contribuito alla crescita economica, facilitando esportazioni, importazioni e l’accesso del Paese a nuove fonti di capitale di alta qualità, tra gli altri benefici.

Il Vietnam ha anche promosso con determinazione gli scambi e i negoziati per risolvere questioni di confine e territoriali, affrontando in modo appropriato e tempestivo le attività che violano la sua indipendenza, sovranità e legittimi diritti e interessi.

Sơn ha affermato che il potenziale, la posizione e la reputazione internazionale del Vietnam, oltre ai successi della politica estera nel 2023, hanno costituito la base per la tradizionale “diplomazia del bambù” del Vietnam.

Il settore diplomatico continuerà a concentrarsi sullo sviluppo deciso dell’identità della diplomazia del bambù vietnamita nel 2024, concentrandosi su diversi punti focali, ha affermato lo stesso ministro Sơn in un altro intervento, tenuto in occasione del Capodanno 2024.

Innanzitutto, il settore continuerà a rafforzare il rinnovamento del pensiero teorico sulle relazioni esterne, ha detto il ministro degli Esteri, sottolineando la necessità di superare audacemente vecchi schemi mentali e trovare nuovi metodi a beneficio della nazione. È necessario rafforzare la ricerca strategica, la consulenza e la previsione sulle relazioni esterne, individuando nuove questioni e identificando la posizione strategica del Paese, sfruttando appieno le tendenze internazionali per progettare politiche adeguate e adottare passi appropriati, ha affermato.

In secondo luogo, il settore promuoverà il suo ruolo di pioniere e si coordinerà con il Partito, la diplomazia popolare e gli altri settori per dispiegare congiuntamente le forze delle relazioni esterne e diplomatiche, consolidando così saldamente un ambiente pacifico e stabile, proteggendo la Patria in modo lungimirante e mobilitando nuove risorse esterne per lo sviluppo economico e l’aumento della posizione e del prestigio del Paese, ha sottolineato il rappresentante del governo.

In terzo luogo, il settore diplomatico si concentrerà su una nuova svolta nella costruzione e nello sviluppo di sé in modo forte, completo e moderno, ha detto.

Notando che la “diplomazia del bambù vietnamita” è stata menzionata per la prima volta dal Segretario Generale del Partito Nguyễn Phú Trọng nel 2016, ha ricordato che i contenuti di tale politica sono stati esplicitati ed evidenziati dal leader durante la Conferenza Nazionale sugli Affari Esteri nel dicembre 2021. La politica del bambù è costruita e sviluppata sulla base dell’eredità e dell’applicazione creativa dell’ideologia e dell’arte diplomatica di Hồ Chí Minh, nonché dell’identità culturale e diplomatica della nazione, utilizzando l’immagine del bambù vietnamita con radici forti, steli solidi e rami flessibili. Le indicazioni del leader del Partito hanno servito come stella polare per la diplomazia vietnamita nell’attuare compiti nell’attuale mandato, ha detto il ministro degli Esteri.

La “diplomazia del bambù vietnamita” è stata inoltre oggetto di un recente libro pubblicato dal Segretario Generale Nguyễn Phú Trọng, all’interno del quale si trova anche un articolo a firma di Stefano Bonilauri e del sottoscritto Giulio Chinappi. 

Riflettendo sulle attività delle relazioni esterne nel 2023, Sơn ha dichiarato che le attività sono state ferventi con 15 visite all’estero di leader nazionali chiave e 21 visite in Vietnam di leader di altri Paesi, contribuendo a espandere le relazioni esterne del Paese sia negli aspetti bilaterali che multilaterali. In particolare, le attività di diplomazia economica hanno dato un contributo significativo alla promozione della crescita economica nazionale, consentendo al Paese di garantire un giro d’affari di import-export di quasi 700 miliardi di dollari e un aumento del 14,8% nell’attrazione degli investimenti diretti esteri (IDE), ha dichiarato.

Riguardo alle principali orientazioni per trasformare la diplomazia economica in un importante motore per lo sviluppo nazionale veloce e sostenibile nel 2024, il ministro degli Esteri Sơn ha dichiarato che la diplomazia economica sarà ampiamente associata a tutte le attività delle relazioni esterne, specialmente a livello elevato, con una stretta combinazione con la diplomazia politica e culturale, nonché con le aree diplomatiche. La cooperazione economica è diventata un pilastro chiave in tutte le relazioni esterne, specialmente con partner importanti, ha detto.

Nel 2024, in mezzo a molte difficoltà e rischi, ma anche opportunità e venti favorevoli, la diplomazia economica continuerà a concentrarsi sulla specifica trasformazione dei quadri di relazione appena aggiornati in programmi e progetti di cooperazione economica pratici ed efficaci, specialmente nell’espansione dei mercati e nell’accesso a nuove fonti di capitale per la promozione dello sviluppo infrastrutturale, dell’alta tecnologia, della trasformazione digitale, della crescita sostenibile, dell’attrazione turistica e dell’esportazione di manodopera.

Insieme a ciò, il settore lavorerà con altri settori e località per rimuovere gli ostacoli nella cooperazione economica con i partner, soprattutto quelli importanti, migliorando l’efficienza del supporto alle industrie, alle località e alle imprese seguendo il motto di mettere le persone, le località e le imprese al centro dei suoi servizi, ha dichiarato il ministro degli Esteri Sơn.

Unisciti al nostro canale telegram