I “valori occidentali” ora includono la celebrazione degli attacchi terroristici contro le infrastrutture civili

di Andrew Korybko

da https://korybko.substack.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’Ucraina è stata raccontata dal miliardo d’oro dell’Occidente come una presunta lotta a sostegno dei cosiddetti “valori occidentali”, che però ora includono una curiosa aggiunta alla “democrazia” e ai “diritti umani”: la celebrazione di attacchi terroristici contro infrastrutture civili. Il ponte di Crimea è stato appena danneggiato a causa di quello che le riprese video suggeriscono essere un attacco terroristico suicida con un camion bomba, eppure personaggi chiave come Mikhail Podolyak, consigliere di Zelensky, e il famigerato teorico della cospirazione del Russiagate Adam Kinzinger hanno lodato questa provocazione, per non parlare dei loro numerosi tirapiedi nei media.

La loro posizione è che questa infrastruttura civile era a doppio uso, nel senso che aveva applicazioni militari legate al supporto logistico dell’operazione speciale della Russia in Ucraina, il che la rende un “obiettivo legittimo”. Inoltre, citano l’opposizione di Kiev alla sua costruzione su un territorio che rivendica ancora come proprio nonostante non lo controlli, dopo che la popolazione locale ha votato a stragrande maggioranza per la riunificazione con la propria storica patria russa nella primavera del 2014. Dal momento che il “fine giustifica i mezzi” nei loro calcoli machiavellici, anche il danno del ponte di Crimea, risultato di un probabile attacco terroristico suicida con camion bomba, è degno di essere celebrato. Questa posizione scredita totalmente tutto ciò che l'”ordine basato sulle regole” degli Stati Uniti pretende di sostenere.

Per chiarire, questo concetto non è sempre stato altro che una retorica altisonante per mascherare l’applicazione arbitraria di due standard volti a promuovere gli interessi americani a spese di tutti gli altri, specialmente dei suoi rivali geostrategici come la Russia, la Cina e l’Iran. In questo contesto, l’ipocrisia si manifesta nel condannare gli attacchi terroristici dell’ISIS contro le infrastrutture civili ogni volta che si verificano all’interno della “sfera d’influenza” dell’Impero declinante, mentre allo stesso tempo si elogiano – e forse si orchestrano o addirittura si eseguono direttamente – tali attacchi ogni volta che danneggiano gli interessi dei suoi rivali.

Al contrario, i Paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO, che comprende i tre rivali geostrategici degli Stati Uniti) sono uniti dallo statuto del gruppo e dalla loro comune opposizione di principio al terrorismo, al separatismo e all’estremismo. Anche nel caso in cui i Paesi entrassero in ostilità con un altro Stato e decidessero di colpire le sue infrastrutture civili per portare avanti i loro obiettivi strategico-militari, lo farebbero con mezzi non terroristici, come attacchi convenzionali o sabotaggi, senza abbassarsi al livello del Miliardo d’Oro di un attacco terroristico con camion bomba suicida, come quello che i filmati con forza suggeriscono come responsabile del danneggiamento del ponte in Crimea.

Esacerbando il divario morale tra le due parti, il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud del mondo guidato dai BRICS/SCO, i principali influencer del primo e i loro sostenitori non stanno nemmeno tentando di argomentare la “negazione plausibile” di questo attacco terroristico, ma lo celebrano con orgoglio sui social media. Realisticamente parlando, non è sorprendente che la loro parte sia ricorsa a questi mezzi per la disperazione di infliggere danni militari, di soft power e strategici all’avversario russo, ma non ci si aspettava che avrebbero elogiato così apertamente quanto appena accaduto. Questa osservazione dimostra che anche loro sanno che il concetto di “ordine basato sulle regole” è una retorica vuota ed egoistica progettata per illuminare un pubblico ingenuo.

Riconoscendo ciò, diventa chiaro che la nuova guerra fredda tra i “campi” unipolare e multipolare (in mancanza di una descrizione migliore) è geostrategica nel suo nucleo e non guidata da “valori” come falsamente sostiene il Miliardo d’oro. A dire il vero, il Sud del mondo continua a sostenere i suoi valori in termini di comportamento dei suoi membri in questa competizione mondiale verso il multipolarismo, ma il loro previsto gioco finale “ideologico”/strutturale di un ordine mondiale più democratico, equo e giusto li spinge molto più di qualsiasi altra cosa. Sacrificando pubblicamente i valori antiterroristici precedentemente professati, l’Occidente ha dimostrato di non avere alcuna “superiorità morale”.

Unisciti al nostro canale telegram