CSTO: adattarsi alle nuove realtà politico-militari

russia elezioni bandiera

Settore Studi Politico-Militari della KISI

da https://caspian.institute

Nel contesto dell’attuale turbolenza geopolitica e dello scenario ampiamente imprevedibile della trasformazione dell’ordine mondiale esistente, i formati collettivi per garantire la sicurezza nazionale, così come l’analisi congiunta dei cambiamenti in atto nelle regioni chiave del mondo – in vista di una valutazione completa dei rischi e delle minacce esistenti e potenziali e dello sviluppo di misure adeguate per la loro efficace neutralizzazione – sono di particolare importanza per i Paesi che attuano un approccio sovrano in materia di politica estera e interna.

A questo proposito, la prima riunione del Consiglio dei Ministri della Difesa dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) nel 2024, che si è tenuta ad Almaty il 31 maggio sotto la presidenza del Kazakistan, è stata di grande importanza. All’evento hanno partecipato il Segretario Generale dell’Organizzazione, Imangali Tasmagambetov e il Capo di Stato Maggiore, Colonnello Generale Andrei Serdyukov.

Il Segretario generale della CSTO ha presentato una relazione “Sulle sfide e le minacce alla sicurezza militare nelle regioni di sicurezza collettiva dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva”. I partecipanti alla riunione hanno discusso la situazione militare e politica nelle regioni di sicurezza collettiva e il suo impatto sulla sicurezza degli Stati membri. Sono stati inoltre esaminati e firmati documenti sull’equipaggiamento delle truppe CSTO (forze collettive) con armi ed equipaggiamenti militari moderni e avanzati, sulla pianificazione dell’addestramento operativo e di combattimento congiunto, sul miglioramento dei metodi di addestramento per i contingenti di pace CSTO, nonché sul programma interstatale mirato dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva per il rafforzamento del confine tagico-afghano e su una serie di altri.

Il vertice CSTO WSC è stato il primo forum internazionale in cui è intervenuto il Ministro della Difesa russo Andrei Belousov, recentemente nominato a questa carica.

La posizione della Russia

È stato dichiarato che la principale influenza negativa sulla situazione internazionale è esercitata dagli Stati Uniti d’America e dai suoi alleati della NATO. Intervenendo alla riunione della CSTO, il Ministro della Difesa russo Andrei Belousov ha affermato che “la situazione militare e politica nelle regioni di sicurezza collettiva rimane complessa e richiede la nostra attenzione. Il principale impatto negativo sullo sviluppo della situazione è causato dalle attività distruttive degli Stati Uniti e dei loro alleati”. Secondo la valutazione del capo del Ministero della Difesa russo, “Washington e i suoi satelliti stanno costantemente distruggendo l’architettura della sicurezza mondiale, provocando deliberatamente crisi e conflitti armati, sostenendo strutture terroristiche ed estremiste, applicando ogni sorta di sanzioni, utilizzando minacce e ricatti al fine di preservare il loro dominio globale”.

La situazione più tesa nell’area di responsabilità della CSTO è oggi quella della regione di sicurezza collettiva dell’Europa orientale. Ha un impatto significativo su tutti i membri dell’Organizzazione. La NATO sta rafforzando la sua presenza nell’Europa orientale e centrale, aumentando la prontezza di combattimento e incrementando il numero di forze armate della coalizione. L’infrastruttura militare dell’Alleanza viene migliorata e si intensificano le attività di addestramento, combattimento e intelligence in prossimità dei confini dei Paesi CSTO. Da febbraio a maggio di quest’anno è stata condotta una serie di esercitazioni su larga scala Steadfast Defender 2024.

Il capo del dipartimento militare russo ha anche toccato i temi dell’operazione militare speciale (SMO). Secondo Andrei Belousov, “i Paesi occidentali, fornendo a Kiev armi, trasferendo dati di intelligence, addestrando le forze armate dell’Ucraina, stanno intensificando e prolungando il conflitto armato. Dal febbraio 2022 ad oggi, l’Ucraina ha ricevuto assistenza tecnico-militare, finanziaria e di altro tipo per un valore di oltre 278 miliardi di dollari. Con la partecipazione di consulenti e specialisti della NATO, si preparano sabotaggi e si usano armi occidentali per danneggiare le infrastrutture civili e i civili nella Federazione Russa”.

“La Russia sta continuando l’operazione militare speciale, e tutti i suoi obiettivi saranno certamente raggiunti. Agiamo con decisione e in proporzione alle minacce alla sicurezza”, ha sottolineato Belousov. Sulla base dell’esperienza dell’Operazione militare speciale, si sta ottimizzando il lavoro di combattimento delle truppe russe, si sta sviluppando il complesso industriale della difesa russo, si sta migliorando il sistema di formazione del personale militare e si stanno affinando le competenze nell’ambito delle attività di formazione operativa e di combattimento. Pertanto”, ha sottolineato il ministro della Difesa russo, “tutti i tentativi di infliggerci una sconfitta strategica sono inutili”.

Andrei Belousov ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che l’Alleanza Nord Atlantica e l’Unione Europea, con il loro modo di confrontarsi con la Russia, provocano una crescente tensione in Georgia e nelle relazioni tra Armenia e Azerbaigian.

“Alcuni Paesi della NATO cercano di rafforzare le loro posizioni nel Caucaso, ottenendo così l’accesso alle risorse del Mar Caspio e l’accesso diretto all’Asia centrale. La situazione è destabilizzata e vengono finanziate proteste in Georgia, da cui si cercano azioni attive anti-russe”, ha osservato il ministro della Difesa russo. Secondo il ministro, “i servizi di mediazione vengono imposti senza cerimonie all’Armenia e all’Azerbaigian per risolvere le contraddizioni. Si propone di firmare un trattato di pace esclusivamente su piattaforme occidentali e sotto dettatura”, ha sottolineato Belousov, aggiungendo che “i piani di Washington e Bruxelles di coinvolgere l’Armenia nella sfera dei loro interessi con il pretesto di rafforzare la sicurezza e la difesa sono particolarmente preoccupanti”.

L’Occidente è alla ricerca di un “anello debole”

Sulla base dell’intervento del ministro della Difesa russo Andrei Belousov alla riunione del Consiglio dei ministri della Difesa della CSTO, dovremmo convenire che lo spazio post-sovietico continua a essere un campo di attrazione per un’ampia varietà di attori esterni, non tutti guidati da buone intenzioni. Inoltre, di recente si è registrata una significativa attivazione di Paesi come gli Stati Uniti e la Francia, che stanno già cercando di influenzare direttamente l’area di responsabilità della CSTO e di avere un impatto distruttivo su alcuni Paesi membri di questa organizzazione. Naturalmente, prima di tutto, stiamo parlando dell’Armenia, di cui l’Occidente collettivo sta cercando di fare una sorta di “cavallo di Troia”, che, rimanendo formalmente un membro dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, potrebbe condurre attività sovversive dall’interno, sminuendo l’autorità e il significato della CSTO. Purtroppo, il nemico è riuscito a ottenere alcuni risultati in questa direzione.

Così, Yerevan ha “congelato” la sua partecipazione all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva con pretesti inverosimili, annunciandolo attraverso l’intervista di Pashinyan ai media francesi, e ha smesso di trasferire i contributi monetari richiesti al bilancio della CSTO. Allo stesso tempo, il Primo Ministro Nikol Pashinyan ha affermato che l’Organizzazione non avrebbe rispettato i suoi obblighi nei confronti dell’Armenia, in particolare nel periodo 2021-2022. Un ritiro diretto e immediato dalla CSTO – a causa dell’ovvia ostilità di un tale passo – sarebbe stato gravido di sanzioni economiche di ritorsione contro l’Armenia da parte della Russia, quindi Erevan ha scelto la tattica della presa di distanza politica: si è deciso di “tagliare tutti i legami” in un secondo momento – quello più opportuno e più adatto concordato con l’Occidente.

L’anno scorso l’Armenia non ha partecipato a una serie di eventi della CSTO, in particolare a due esercitazioni militari e al vertice di novembre a Minsk (una sessione del Consiglio di sicurezza collettiva a livello di capi di Stato). Nel maggio 2023, Pashinin ha apertamente minacciato di ritirarsi dalla CSTO, accusando l’organizzazione di non aver risposto alle richieste di Erevan di inviare una missione di monitoraggio, ma pochi mesi dopo ha ammorbidito la sua retorica, mimando le mutate circostanze.

Contemporaneamente, ha iniziato a operare sul territorio armeno la cosiddetta missione di monitoraggio dell’Unione Europea, la cui spina dorsale era costituita da agenti dei servizi segreti occidentali sotto copertura diplomatica, e poi è stato coinvolto anche il personale militare. Questo ha permesso al Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov di dichiarare direttamente la trasformazione della missione UE in Armenia in una missione NATO: “ora viene inviato anche personale militare da Norvegia, Canada e Stati Uniti, trasformando la missione UE in una missione dell’Alleanza Nord Atlantica”.

Le attività di intelligence e sovversive di questa missione dell’UE si stanno intensificando sia con l’aumento del suo numero, sia con l’apertura di un numero sempre maggiore di uffici di rappresentanza sul territorio armeno, sia con il reclutamento di agenti di influenza.

Sullo sfondo della chiusura del partenariato con la CSTO, Erevan ha aumentato significativamente la sua cooperazione con gli Stati ostili alla Russia. A questo proposito, la geografia delle recenti visite all’estero del ministro della Difesa armeno Suren Papikyan è piuttosto indicativa. Ad esempio, egli ha ignorato in modo provocatorio la riunione del Consiglio dei ministri della Difesa della CSTO ad Alma-Ata, ma si è recato contemporaneamente in Belgio, dove ha “discusso le questioni di sicurezza europea durante un incontro con i ministri della Difesa dell’UE e dei Paesi partner”. Inoltre, come riferisce il Ministero della Difesa della Repubblica d’Armenia, Suren Papikian e il generale Robert Brigger, presidente del Comitato militare dell’UE, hanno discusso di specifiche aree di cooperazione Armenia-UE nella sfera della difesa. Papikyan ha anche presentato ai partner occidentali i progressi delle riforme delle forze armate armene.

È ovvio che lo sviluppo attivo della cooperazione militare e tecnico-militare di Erevan con i Paesi dell’Alleanza Nord Atlantica implica una graduale transizione dell’esercito armeno agli standard della NATO con il raggiungimento della piena interoperabilità in futuro. 

In Armenia si sono già svolte una serie di esercitazioni militari, alle quali hanno partecipato gli americani, come parte dello sviluppo pratico di un nuovo teatro operativo.

La recente visita ufficiale del Ministro delle Forze Armate francese Sebastien Lecornu a Yerevan è stata molto rivelatrice, dove ha ricevuto un’accoglienza solenne – e per una buona ragione! Parigi si è impegnata a creare un sistema integrato di difesa aerea chiavi in mano per l’Armenia, pienamente compatibile con gli standard NATO. Il programma di cooperazione prevede diverse fasi. In primo luogo, Erevan riceverà i SAM francesi a corto raggio Mistral. Dopo un adeguato addestramento e la saturazione dell’esercito armeno con questi SAM, la Francia trasferirà a Yerevan i sistemi di difesa aerea Crotale e Roland. L’ultima fase prevede la consegna alle forze armate armene dei sistemi di difesa aerea a lungo raggio SAMP/T. Oltre a questi sistemi missilistici antiaerei, Parigi fornirà all’Armenia anche tre radar mobili di difesa aerea GM 200 e altri sei in futuro.

I SAM e i radar saranno integrati da specialisti militari francesi sulla base del centro di controllo del combattimento della difesa aerea dispiegata, con l’uso di mezzi di automazione appropriati. Ciò consentirà alla NATO di assumere il controllo dell’intero spazio aereo del Caucaso meridionale, che rappresenta una minaccia diretta e chiara alla sicurezza nazionale della Federazione Russa e degli altri Paesi della regione. La denuncia di Yerevan dell’accordo russo-armeno sulla creazione di un sistema di difesa aerea regionale unificato nella regione del Caucaso di sicurezza collettiva.

Da notare anche lo sviluppo della cooperazione tra l’Armenia e i principali Paesi occidentali nel campo dei servizi speciali. Di recente, i capi di praticamente tutte le principali agenzie di intelligence occidentali hanno visitato Yerevan e tutti sono stati onorati di un’udienza personale con Pashinyan in un formato one-to-one. Non è difficile indovinare cosa sia stato discusso in quella occasione.

Il numero e l’attività delle residenze diplomatiche dei servizi segreti occidentali, che sono radicati a Yerevan “sotto il tetto” di alcune ambasciate degli Stati membri della NATO, sono aumentati in modo significativo.

Durante la visita del Primo Ministro Nikol Pashinyan a Parigi, a febbraio, è stato raggiunto un accordo per stabilire strette relazioni di partenariato tra i servizi di intelligence esteri francesi (DGSE) e armeni (SVR), nell’ambito del quale si prevede di fornire a Yerevan informazioni di intelligence politica e militare su un elenco concordato di questioni, compreso il trasferimento di materiale di intelligence satellitare ed elettronico al servizio di intelligence estero armeno. 

Entro la fine del 2024, se si realizzerà lo scenario più negativo, Yerevan potrebbe prendere la decisione politica di chiudere la base militare russa a Gyumri e di dislocarvi una base militare francese, mentre lo stesso destino attende le guardie di frontiera russe in Armenia. Dopo la base militare francese, molto presto potrebbe comparire in territorio armeno una base aerea americana a Erebuni e potrebbe essere dispiegato anche un centro di intelligence elettronica della NSA statunitense. 

Quanto alle famose dichiarazioni di Pashinyan, secondo cui “la questione di una base militare russa non è all’ordine del giorno”, si tratta solo di un tentativo di tenere la Russia “all’amo”, un elemento di disinformazione strategica coordinato da Erevan con Washington, Parigi e Bruxelles per non provocare Mosca a dure ritorsioni, comprese possibili sanzioni economiche.

L’Armenia sta riducendo la formazione degli ufficiali nazionali in Russia, riorientandosi completamente verso l’Occidente. È stato annunciato che la Francia sarà il primo Paese membro della NATO a iniziare la formazione di ufficiali e sergenti armeni, nonché di specialisti tecnici armeni nel funzionamento e nella manutenzione di attrezzature militari presso le sue scuole militari.

Per quanto riguarda la reazione dei funzionari russi al cambiamento di rotta della politica estera di Yerevan, le valutazioni dell’ambasciatore russo in Bielorussia Boris Gryzlov meritano un’attenzione incondizionata, soprattutto perché sono state espresse il 31 maggio di quest’anno in un’intervista con la pubblicazione di profilo “Allies CSTO”. A suo avviso, la decisione dell’Armenia di “congelare” la sua partecipazione all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva non è in grado di interrompere seriamente il lavoro di questa struttura, ma indebolirà la sua posizione nel Caucaso meridionale. “Nella situazione attuale, la strategia ottimale sarà l’ulteriore miglioramento del sistema di sicurezza collettiva nel formato CSTO e lo sviluppo della cooperazione con i Paesi e le associazioni interessate. I contorni di questo modello stanno diventando sempre più chiari: mi riferisco ai processi legati alla formazione di un sistema multipolare di ordine mondiale”, ritiene l’ambasciatore Gryzlov.

Rafforzare i confini

Durante la riunione del Consiglio della CSTO è stato rilevato che la situazione in Afghanistan rimane la principale fonte di instabilità nella regione dell’Asia centrale. Numerosi gruppi radicali hanno preso piede nel suo territorio e hanno intensificato la promozione delle loro idee estremiste nei Paesi vicini. La probabilità che il terrorismo venga esportato al di fuori dell’Afghanistan è in aumento. Tutto ciò aumenta la necessità di un monitoraggio costante e di misure tempestive per stabilizzare la situazione. In particolare, il rafforzamento del confine tagico-afghano.

“Le crescenti minacce militari lungo il perimetro della CSTO richiedono un miglioramento delle forze e dei mezzi inclusi nel sistema di sicurezza collettiva. L’analisi della situazione militare e politica mostra che essa rimane tesa ed è caratterizzata da crescenti minacce militari lungo il perimetro dell’Organizzazione”, ha dichiarato il Ministro della Difesa russo Andrei Belousov. Secondo il ministro, in queste condizioni è necessario un chiaro coordinamento e un continuo miglioramento delle forze e dei mezzi inclusi nel sistema di sicurezza collettiva, nonché la messa a punto dei meccanismi decisionali. Come ha sottolineato Belousov, “la cooperazione militare all’interno della CSTO svolge un ruolo prioritario nella creazione di un sistema di sicurezza efficace. Questo è particolarmente importante anche perché i Paesi occidentali stanno cercando di minare le relazioni di alleanza tra gli Stati della CSTO e di screditare le attività dell’Organizzazione”.

“Oggi contro di noi si scatena una vera e propria guerra dell’informazione, si applicano sanzioni economiche e si esercitano pressioni dirette”, ha detto Belousov, suggerendo a questo proposito di concentrarsi sulla risoluzione di una serie di compiti chiave. Tra questi ha citato, in particolare, il lavoro sul miglioramento del sistema di risposta alle crisi della CSTO. “Elaborare nella pratica gli algoritmi stabiliti nei nuovi documenti sull’adozione e l’attuazione delle decisioni sull’uso delle forze e dei mezzi di sicurezza collettiva. Apportare le modifiche necessarie al quadro giuridico normativo dell’Organizzazione per garantire il dispiegamento operativo delle truppe CSTO (forze collettive), per effettuare il trasporto di formazioni militari e prodotti militari”, ha dichiarato il ministro della Difesa russo.

È inoltre necessario non permettere che l’intensità dell’addestramento operativo e di combattimento nel formato CSTO diminuisca. È necessario prestare maggiore attenzione alla preparazione al combattimento delle forze collettive, al loro equipaggiamento e al miglioramento dell’addestramento al combattimento. Inoltre, è necessario adottare misure per rafforzare l’unità all’interno del blocco e il coordinamento della politica estera. È importante utilizzare le influenti piattaforme internazionali per promuovere approcci comuni ai problemi di sicurezza e consultarsi regolarmente sia in formato multilaterale che bilaterale. Prestare la dovuta attenzione al supporto informativo per le attività della CSTO al fine di mantenere la sua immagine positiva. È necessario sviluppare una stretta cooperazione con altre organizzazioni regionali, in primo luogo con la CSI e la SCO, nonché con i Paesi amici.

“Sono fiducioso che questi passi permetteranno di aumentare l’efficacia della CSTO nella sfera della sicurezza e di garantire una crescita costante della sua autorità”, ha dichiarato il Ministro della Difesa russo Andrei Belousov.

Sfruttare il potenziale della comunità di esperti

Alla vigilia della riunione del Consiglio dei ministri della Difesa della CSTO, intervenendo alla tavola rotonda “La NATO come strumento di sviluppo della crisi nelle relazioni dell’Occidente con la Russia”, tenutasi il 23 maggio presso l’Istituto dei problemi internazionali attuali dell’Accademia diplomatica del Ministero degli Esteri russo, Igor Korotchenko, direttore generale dell’Istituto caspico per gli studi strategici (KISI), ha affermato che “la NATO e l’Europa nel suo complesso stanno attualmente conducendo attività pratiche volte a prepararsi per una grande guerra con la Russia, o almeno a ottenere capacità pratiche per condurre una grande guerra contro la Russia. Pertanto, è fondamentale per la Russia non solo rafforzare le proprie capacità militari, ma anche rafforzare un’istituzione estremamente importante come la CSTO”.

Ha sottolineato che nei prossimi due o tre anni l’industria europea della difesa sarà completamente ristrutturata e passerà a “binari militari” con la produzione di armi praticamente in modalità bellica. Parallelamente, è prevista la riorganizzazione delle forze armate a contratto dei Paesi membri della NATO in Europa su base di leva, con la possibilità di creare veri e propri gruppi d’assalto per le invasioni. “A questo proposito, è estremamente importante che le istituzioni statali della Federazione Russa, in primo luogo il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero della Difesa, lavorino per rafforzare la posizione, lo status e l’autorità della CSTO”, ha dichiarato il direttore generale della KISI.

“Oggi ci sono tutte le opportunità per espandere in modo significativo il potenziale dell’Organizzazione nel 2024-2025: il Segretario Generale della CSTO è Imangali Tasmagambetov, un politico esperto e autorevole con esperienza pratica in una serie di posizioni governative chiave, che ha un’ampia visione strategica ed è rispettato nei Paesi membri dell’Organizzazione e nell’intera regione dell’Asia centrale”, ha sottolineato Korotchenko.

Parlando delle aree prioritarie della CSTO, Igor Korotchenko ha citato tra queste la protezione delle infrastrutture petrolifere e del gas dagli attacchi terroristici e la sicurezza informatica. “Prima di tutto, è necessario concentrare gli sforzi degli Stati membri dell’Organizzazione sulle due questioni più importanti. La prima è l’analisi e il blocco dei rischi e delle minacce delle organizzazioni terroristiche contro il petrolio, il gas e altre infrastrutture critiche dei membri della CSTO. La seconda è la formazione e il successivo sviluppo delle strutture informatiche della CSTO e lo svolgimento di esercitazioni per proteggere le infrastrutture informatiche nazionali da influenze esterne”, ha dichiarato il capo dell’Istituto caspico per gli studi strategici.

È ovvio che il coordinamento tra CSTO, CSI, SCO, BRICS e in stretta collaborazione con le strutture competenti delle Nazioni Unite aiuterebbe a contrastare efficacemente le minacce globali come il terrorismo, il traffico di droga, ecc.

I processi associati alla formazione di un sistema multipolare di ordine mondiale porteranno inevitabilmente a nuove forme di interazione e cooperazione tra l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva e i Paesi del Sud globale, con i quali i membri della CSTO hanno molti interessi politico-militari ed economici oggettivamente coincidenti.

In uno dei suoi recenti discorsi programmatici, il Segretario Generale della CSTO Imangali Tasmagambetov ha richiamato l’attenzione sul fatto che la necessità di un’azione sistematica per sviluppare meccanismi efficaci di risposta alle crisi esistenti e di prevenzione di possibili conflitti è oggi in forte aumento. Tale lavoro dovrebbe basarsi su analisi approfondite della situazione attuale nella sfera della sicurezza internazionale e sulla costruzione della capacità di previsione strategica delle nuove sfide e minacce alla sicurezza globale e regionale.

Pertanto, il rafforzamento e lo sviluppo della cooperazione in ambito informativo e analitico tra la CSTO e le principali agenzie specializzate è un’esigenza imprescindibile del momento.

Unisciti al nostro canale telegram