No alla guerra, no ai rigurgiti neonazisti nel cuore dell’Europa

da awmr-donneregionemediterranea-italia.blogspot.it

Nei giorni scorsi, mentre la Federazione internazionale democratica delle donne, fondata nel 1945  all’indomani della vittoria sul nazifascismo, era riunita a Mosca e ribadiva l’impegno a proseguire la lotta per l’emancipazione delle donne e la libertà dei popoli, nella città ucraina di Odessa, 40 persone sono state bruciate vive nella Casa dei Sindacati che era stata assaltata e assediata da gruppi paramilitari di estrema destra, sostenitori del governo insediatosi a Kiev con un golpe fomentato e appoggiato dagli Usa e dall’UE.  E’ inaccettabile l’indifferenza dinanzi a questo nuovo atto di barbarie che ricorda le operazioni di “pulizia etnica” ricomparse in Europa alla fine del XX secolo. Chiediamo alle istituzioni internazionali la condanna senza ambiguità del massacro e delle operazioni punitive che il governo golpista di Kiev compie contro le popolazioni russofone.

CONTINUA A LEGGERE