Madrid: arrestati otto internazionalisti solidali col Donbass antifascista

da contropiano.org

Sembra assurdo che in una Europa in cui centinaia di miliziani dell’Isis o aspiranti tali scorazzano indisturbati andando e venendo da Siria e Iraq dove spargono morte e terrore (finendo anche per colpire Parigi, Copenhagen e Bruxelles), nel mirino della repressione finiscano invece in queste ore alcuni internazionalisti che da diverse regioni dello Stato Spagnolo erano andati a sostenere la resistenza antifascista delle popolazioni del Donbass, in lotta da quasi un anno con l’aggressione militare scatenata contro di loro dal regime ultranazionalista di Kiev.

Eppure è proprio così. Questa mattina all’alba la polizia spagnola ha arrestato otto persone, alcune delle quali tornate recentemente dal fronte ucraino dove avevano combattuto nelle file delle milizie indipendentiste. Gli otto internazionalisti sono stati arrestati in sei diverse comunità autonome dello stato, si legge in una nota emessa dal ministero degli Interni di Madrid. Gli arresti sono stati effettuati nelle Asturie, in Catalogna, in Estremadura, a Murcia, in Navarra e nella capitale iberica. Tre degli arrestati nell’ambito di quella che è stato ribattezzata ‘Operazione Danko’, avrebbero servito in passato nell’esercito di Madrid, anche se non è chiaro se come militari di leva o professionisti.

CONTINUA A LEGGERE