Il “Pivot to Asia” della Russia

da Sputnik News

Appare sempre più chiaro che la risposta della Russia alle sanzioni occidentali si sta rivelando non come una strategia di contenimento del danno ma come un`occasione di sviluppo delle regioni del profondo est della Russia e del partenariato con le nazioni asiatiche.

Questa politica può essere definita come una strategia multilivello che coinvolge vari settori:

1) Politica energetica con la costruzione di gasdotti e oleodotti che orienteranno il flusso delle materie prime energetiche dai paesi europei ai paesi asiatici. L’ultimo step di questa politica è stata la firma — avvenuta a Pechino il 17 dicembre durante la visita di stato del primo ministro Dmitrij Medvedev — per la costruzione dell’anello di congiunzione tra il tratto in territorio russo e quello in territorio cinese del gasdotto “Power of Siberia”;

2) Politica monetaria tendente a favorire l’abbandono del dollaro come mezzo di pagamento degli scambi commerciali tra Russia e paesi asiatici;

CONTINUA A LEGGERE