Il male assoluto

torta bambino russodi Nicolai Lilin
da lilin.blogautore.espresso.repubblica.it

Dopo il colpo di stato e l’inizio del movimento Euromaidan, l’Ucraina è sprofondata nella spirale della violenza. La guerra civile ha spaccato il paese e ha liberato i demoni che ogni essere umano porta nascosti nelle profondità della propria anima. Ne ho seguito le vicende e ho condiviso sui social network le informazioni che mi arrivavano, ricevendo come risposta minacce e offese, che per alcune persone simpatizzanti dell’Euromaidan sembrano essere validi argomenti a supporto delle loro idee. Nell’arco della stessa giornata, per aver condiviso delle foto di alcune delle vittime del Donbass, mi è successo di essere definito fascista, nazista, comunista, uomo di Putin, agente della CIA, spia del Mossad, sionista, omofobo, ricchione, terrorista islamico, estremista cristiano, xenofobo. Il pubblico sui social è veramente democratico quando insulta e la fantasia non manca quando ci si trova dietro ad uno schermo. Mio nonno Kuzia diceva che “il male più assoluto si annida nei cuori degli egoisti e degli ipocriti”. Ragionando sulle sue parole trovo che la cosa più terribile nel male è quando diventa banale agli occhi della società. Quando le persone ne accettano l’esistenza e ne trattano l’essenza come una qualsiasi altra cosa normale.

CONTINUA A LEGGERE