Perchè nel 2021 non saranno in grado di sconfiggere la Rivoluzione Bolivariana

maduro folla salutodi José Roberto Duque

Mision Verdad*

da https://misionverdad.com

Traduzione Mauro Gemma per 
Marx21.it

In primo luogo, c’è una revisione del meccanismo che collega la naturale ribellione dei popoli oppressi con il desiderio di cambiare rotta, strategia o semplicemente governo.


Predicare o parlare contro il governo o contro i governi è una cosa facile, una reazione o una posizione più o meno naturale; “Anche biologica”, ha detto qualcuno, riferendosi alla gioventù. Si potrebbe dire, quindi, che i fattori antigovernativi tendono a fare proselitismo quando la loro condizione delle persone di soggetto collettivo spogliato diventa insopportabile. Niente di più elementare che dire alle persone, politicizzate o meno, che le loro sofferenze sono colpa o responsabilità di chi “è al potere”.

Mentre durante due secoli di storia repubblicana le persone si sono abituate all’idea che “il governo” è il depositario e l’esecutore del “potere”, si è fatta strada l’idea canonica che rovesciare un governo e installarne un altro sia l’unico modo più efficace affinché le cose vadano meglio. I casi e governi di Allende, Fidel, Chávez, Jacobo Arbenz e altri hanno sufficientemente dimostrato che questo parallelo o equazione non è automaticamente vero. Il governo non sempre è o ha il potere; essere antigovernativi non è sempre essere contrari al potere. Bisognerà indicare agli oratori anti-Maduro “ma a sinistra” quanto è simile la loro predicazione a quella del potere egemonico anglosassone.

***

Molti decenni fa, Marx e i marxisti misero un’idea cruciale sul tavolo dell’analisi: ciò che deve essere cambiato non è il governo (qualunque), ma il sistema. Tra molte altre letture, quella dichiarazione o postulato sostiene la seguente verifica del mondo concreto e immediato: hai un Venezuela che cerca di fare un esperimento socialista o qualcosa di simile, ma che il Venezuela è circondato da fattori di sabotaggio e disturbo, e quindi che il Venezuela non fa prosperare e non riuscirà facilmente in breve tempo a farlo il suo esperimento anticapitalista. Perché? Perché intorno a te ci sono solo pezzi e meccanismi che ti costringeranno a continuare a dipendere dal capitale. Nessuna bolla di ossigeno sopravvive circondata da elio o azoto; nessun esperimento socialista ha vita facile se è circondato e vessato dai promotori del liberalismo e del capitale. Un modo educato per navigare in questa imbarazzante premessa è presumere che il socialismo in costruzione debba essere finanziato dal capitalismo. L’uomo morente deve finanziare il suo becchino. Con cosa? Bene con i dollari.

Muoviamoci strisciando: in Venezuela il dollaro è emerso come egemone e paradigma, non perché Maduro lo voglia, ma perché finché l’unico sistema con vocazione universale è il capitalismo ancorato al dollaro, non c’è modo di fare a meno del dollaro.

E smettiamola con le cazzate: non ci sono valute socialiste, non c’è valore di scambio comunista o antipotere: dollaro, criptovalute, oro, rubli, yuan, qualunque cosa sorga: tutto è opera del capitale in crisi o in mutazione.

***

Questo è il contesto. Veniamo ora alla questione, che è la verifica di ciò che apparirà nei prossimi tratti di questa strada accidentata che percorrono i venezuelani.

Perché si verifichi un rovesciamento violento, è necessaria una simultanea congiunzione di fattori:

– Malcontento popolare generalizzato;

– Comprensione dell’origine dei disturbi e del malcontento;

– Attacco generalizzato alla moneta, all’economia e al flusso delle risorse energetiche;

– Attivazione di una leadership o avanguardia in grado di incanalare quel malcontento di fronte a una rivolta;

– Incorporazione di forze vive e attive nel processo di insurrezione, cospirazione o movimento ribelle;

– Supporto internazionale per il piano di rovesciamento;

– Debolezza, isolamento o rottura dei fattori che sostengono il governo e le istituzioni.

Gli squallidi sono riusciti a far coincidere nel tempo molti di questi fattori, ma non tutti. In quel drammatico aprile di Chávez sembrava che tutto andasse bene, ma per strada c’era un popolo che gridava “con fame e senza lavoro, con Chávez resisto”. Inoltre, l’establishment militare era già impregnato e penetrato dallo spirito bolivariano chavista. Ecco perché è nato il tentativo di rovesciamento, ma è morto appena nato: proprio come in Bolivia, è stato un colpo di stato artificiale, insostenibile e non sostenuto tra le masse.

Sempre mancheranno i leader della destra

La destra venezuelana ha a suo favore, entrando nel terzo decennio del XXI, molti dei requisiti necessari per coronare un rovesciamento, ma fallisce in alcuni requisiti fondamentali: leadership con credibilità e radici nel popolo, identificazione del popolo con l’idea del rovesciamento come soluzione e sincronizzazione dei fattori.

Ci sono stati momenti di profonda depressione e malcontento, come in quell’anno disastroso che è stato il 2016. È stato un momento scenografico che sembrava decisivo e propizio per un attacco diretto che sarebbe stato letale. La dirigenza fascista ha reagito fuori tempo: “Uscita II” è avvenuta nel 2017, probabilmente perché le risorse sono arrivate in ritardo, oppure è stato attivato in ritardo il dispositivo di strada del complotto. In assenza di un vero movimento popolare, Voluntad Popular e il Dipartimento di Stato hanno acquistato qualcosa che gli somigliasse lontanamente, una manciata di avventati ragazzi di quartiere che hanno compiuto azioni spettacolari in cambio di uno stipendio, insieme a elementi alienati che conferivano un tocco criminale. e assassini in azioni di strada. Tutto questo quando gli effetti dell’approvvigionamento erano già stati moderatamente controllati; Nel 2016 le persone già non avevano più inviato cibo, biglietti o prodotti in Colombia, perché non c’era nulla da inviare.

Né la cospirazione ha avuto un sostegno effettivo da alcuna fazione operativa all’interno delle forze armate. Hanno comprato anche elementi che davano l’impressione dell’esistenza di una frattura dell’establishment militare, ma quegli elementi non hanno generato alcun effetto moltiplicatore o propagatore.

Un anno e mezzo dopo c’è stato il collasso mentale di Trump e del suo ambiente, e la ben nota ricetta del blocco e le minacce dei governi satellite raggruppati in uno spettrale “Gruppo di Lima”. Ma mancava il resto: il popolo e l’esercito. C’è stato un esperimento di comunione di questi elementi nel confine di Cúcuta, e un simulacro di propaganda che ha fatto dire a molti: “Adesso funziona”. L’episodio non aveva né mantice né vocazione propagandistica. Dobbiamo insistere: se tutto questo si fosse unificato in una situazione come quella del 2016, i neonazisti avrebbero probabilmente avuto successo.

– Verso il 2021: Trump non c’è più, anche se un soggetto peggiore è probabilmente arrivato alla Casa Bianca e ai dispositivi di distruzione dell’impero.

– Non c’è ancora una leadership nell’opposizione anti-chavista in grado di mobilitare o almeno agitare ampi settori della popolazione attorno a un progetto di liquidazione o sterminio di chavistas e del chavismo come corrente.

– Un segmento significativo del mondo militare venezuelano apertamente piegato o disposto a inchinarsi agli appelli e all’incitamento al colpo di stato non si è ancora manifestato.

– Continua il processo di scioglimento, smembramento o fallimento effettivo dei governi satellite degli Stati Uniti in Centro e Sud America.

– Nicolás Maduro ha dimostrato di essere il più solido dei leader antiegemonici del continente; Dei personaggi che 18 mesi fa sembravano sul punto di distruggere personalmente lui, e il Venezuela come esperimento anticapitalista, oggi solo Duque e Bolsonaro persistono come minacce.

– Ci sono segni di un indebolimento dei meccanismi di blocco e persecuzione per qualsiasi azienda e paese che fa affari con il Venezuela, il che può significare una tregua a medio termine in termini di accesso dei venezuelani a beni e risorse.

– Qualunque sia il risultato dell’elezione dei parlamentari del 6 dicembre, tutto indica che questo esercizio di sovranità sanerà le ferite che avevano colpito le nostre istituzioni.

In conclusione: può darsi che nell’anno 2021 le forme di molestia e di attacco contro la Rivoluzione, contro il governo e contro il popolo del Venezuela persistano e si perfezionino (a proposito, bisognerà parlare ancora della differenza tra questi tre elementi del nostro Processo storico), ma dopo essere sopravvissuti (e non solo: aver trionfato) agli anni terribili 2016, 2019 e 2020, sembra che avremo una buona opportunità per rinfrancarci, guadagnare slancio, riorganizzarci, stabilire nuove strategie e nuove alleanze e programma con la testa fresca per le battaglie del futuro.

* Un gruppo di ricercatori indipendenti che si dedicano ad analizzare il processo della guerra contro il Venezuela e le sue implicazioni globali