L'esagerato budget del Pentagono non è solo uno spreco. È razzismo

E-mail Stampa PDF

baltimore police riotsdi Diana Ohlbaum

da https://www.defenseone.com

Traduzione di Marco Pondrelli per marx21.it

Non dovrebbe stupire nessuno che la prima richiesta di bilancio del presidente Biden continui una lunga tradizione di protezione del Pentagono dai tagli di bilancio. Il "bilancio magro" dell'amministrazione propone 753 miliardi di dollari per la difesa nazionale - un aumento di 12 miliardi di dollari dai livelli attuali. Nonostante la pressione sostenuta da gruppi di tutto lo spettro politico, leader religiosi e membri del Congresso, Biden non ha mai mostrato alcun entusiasmo per la riduzione delle spese militari.


Ma in questa era di scontro razziale, è assurdo che la politica di sicurezza nazionale e i bilanci della difesa siano esenti dall'esame dei loro effetti sulle comunità di colore. Troppo spesso creiamo divisioni artificiali tra politica interna ed estera e applichiamo una lente di equità razziale solo alla prima.

La spesa del Pentagono è più alta ora che al picco della guerra del Vietnam o della guerra fredda, aggiustata per l'inflazione e più dei successivi 10 paesi messi insieme. Questi livelli eccessivi di spesa militare riflettono e perpetuano la supremazia bianca in quattro modi principali.

In primo luogo la spesa militare sfrenata alimenta guerre senza fine contro la gente di colore. Negli ultimi tre anni, gli Stati Uniti hanno condotto operazioni militari antiterrorismo in 85 paesi - quasi tutti in Africa, America Latina, Medio Oriente e Sud-Est asiatico. Tutti e otto i paesi in cui i membri del servizio americano si sono impegnati in combattimento e sette in cui gli Stati Uniti hanno condotto attacchi aerei e/o con droni, hanno popolazioni che gli americani considerano non bianche. Lontano dalle telecamere, dai titoli dei giornali e dalla coscienza pubblica americana, ci sono i costi umani della guerra: 335.000 civili uccisi e 37 milioni di sfollati a causa di guerre che il Congresso non ha mai autorizzato e nemmeno votato.

In secondo luogo, le armi e le guerre statunitensi generano a casa un tributo economico, ambientale e umano che ricade maggiormente sulle comunità di colore. Il Pentagono è uno dei maggiori emettitori di gas serra del mondo, esacerbando problemi come il riscaldamento delle temperature, eventi meteorologici estremi e scarsa qualità dell'aria che colpiscono più duramente i gruppi socialmente ed economicamente svantaggiati. L'esposizione alle radiazioni provenienti dall'estrazione, dalla macinazione e dal trasporto dell'uranio, così come i test nucleari nell'era della guerra fredda e una massiccia fuoriuscita radioattiva, hanno causato tumori e altri gravi effetti sulla salute, la maggior parte dei quali nelle comunità indigene. Miliardi di dollari di attrezzature militari sono stati trasferiti alle forze di polizia statali, locali e tribali nell'ambito del programma 1033 del Dipartimento della Difesa, alimentando la mentalità guerriera dei dipartimenti di polizia e incoraggiandoli a trattare i quartieri neri come campi di battaglia.

In terzo luogo, i sostenitori dei bilanci della difesa promuovono sentimenti anti-asiatici, anti-musulmani e anti-immigrati (e viceversa). Per giustificare tali livelli eccezionali di spesa militare, i politici e i pianificatori demonizzano la Cina, la Corea del Nord e l'Iran come nemici aggressivi e implacabili che devono essere fermati con minacce, intimidazioni e l'uso della forza. L'attacco alla Cina da parte dei democratici e dei repubblicani ha disumanizzato gli asiatici e quasi certamente ha contribuito alla drammatica impennata dei crimini d'odio anti-asiatici. È un circolo vizioso: i sondaggi mostrano che gli americani con i maggiori livelli di risentimento razziale sono i più propensi a sostenere l'azione militare contro paesi percepiti come non bianchi.

Infine, gli stravaganti budget del Pentagono distolgono le scarse risorse da esigenze di sicurezza maggiormente prioritarie. Le persone di colore, latine e native americane sono a rischio sproporzionato di malattia e morte per COVID-19 e più in generale per la mancanza di assistenza sanitaria. Eppure, mentre gli Stati Uniti hanno versato più di 6 trilioni di dollari - sì, sono trilioni con la T - nelle guerre post-11 settembre che hanno ucciso più di 800.000 persone e reso gli americani meno sicuri, la salute pubblica è stata cronicamente sottofinanziata e le risorse per la preparazione alle emergenze sono state ripetutamente tagliate. Anche i 12,4 miliardi di dollari che l'amministrazione Trump ha speso per l'Operazione Warp Speed impallidiscono in confronto alla media annuale di 52 miliardi di dollari che gli Stati Uniti hanno speso recentemente per l'insensata e fallimentare guerra in Afghanistan. Come spiega Elisabeth Rosenthal sul Los Angeles Times, "mentre le nostre difese contro il bioterrorismo si stavano rafforzando, le nostre difese contro le malattie infettive si sono ridotte".

Gli americani non possono più fingere che la dimensione del budget del Pentagono sia una misura per la sicurezza nazionale, o che spendere di più per l'esercito ci darà più sicurezza. Invece, dobbiamo riconoscere il budget del Pentagono per quello che è: un monumento alla supremazia bianca. E come le statue confederate, deve essere rimosso dal suo piedistallo.

________________________________________________________________

Diana Ohlbaum è direttrice Friends Committee on National Legislation’s foreign policy team.