Tom Cotton guida l'attacco alla Cina - II Parte

E-mail Stampa PDF

Pentagono 672di George Koo

da https://asiatimes.com

Parte 2: Le accuse del senatore repubblicano non sono supportate da fatti concreti, né dalla scienza

Un titolo su Politico della scorsa settimana ha definito il senatore statunitense Tom Cotton del Partito Repubblicano il "Coronavirus n. 1, il falco cinese n. 1". Non si trattava di un titolo onorifico, ma di un titolo ben guadagnato e meritato. E' stato il più feroce cane d'attacco della squadra del Segretario di Stato Mike Pompeo contro la Cina.


Già a gennaio, quando il mondo stava appena iniziando a comprendere il significato di Covid-19, Cotton sostenne che il virus che causa la malattia respiratoria proveniva dall'Istituto di virologia di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. Ha piantato i semi dell'accusa senza fornire alcuna prova a sostegno, ma è così che la propaganda deve funzionare.

A volte ha condiviso con i media il fatto che il virus potrebbe essere stato causato da un incidente che ha liberato il virus dal laboratorio di Wuhan. Altre volte ha accennato al fatto che il laboratorio potrebbe aver creato il virus per liberarlo nel mondo. Le sue accuse sono state accuratamente vaghe, in modo da non poterlo incastrare.

Pompeo e il presidente Donald Trump giocano lo stesso gioco, anche se l'Ufficio del Direttore del National Intelligencedegli Stati Uniti ha rilasciato un comunicato stampa giovedì scorso in cui affermava: "La comunità dei servizi segreti concorda anche con l'ampio consenso scientifico che il virus Covid-19 non è stato creato dall'uomo o geneticamente modificato." (Naturalmente, questa dichiarazione è soggetta a ritiro, se il capo minaccia di licenziare il DNI*).

Cotton segue Ferguson

Cotton ha anche accusato la Cina di aver deliberatamente liberato il virus nel mondo. Si riferiva all'affermazione dello storico di Harvard Niall Ferguson secondo cui la Cina avrebbe permesso la partenza di voli internazionali da Wuhan, notizia in realtà non corretta. Daniel Bell, un collega accademico, ha mostrato a Ferguson che l'aeroporto di Wuhan aveva chiuso tutti i voli, non solo quelli nazionali, il 23 gennaio. Ferguson si rifiutò di ritrattare la sua affermazione, ma rimase fedele alla sua bugia.

È ampiamente riconosciuto che ogni bugia sminuisce la reputazione del colpevole, ma Cotton ha un secondo fine. Vuole citare in giudizio la Cina per il risarcimento dei danni economici e delle vite perse a causa di Covid-19. Naturalmente non chiama mai il contagio con il nome ufficiale. Per lui è sempre il virus "cinese".

Cotton ha intelligentemente pensato di poter intentare causa per cancellare il trilione di dollari che il governo degli Stati Uniti deve alla Cina. Francamente sarà problematico sottrarsi ad un debito di un trilione di dollari. Sarebbe molto più facile per la Federal Reserve semplicemente stampare uno, due o tre trilioni di dollari allo schiocco delle dita del Congresso. Anche Larry Kudlow, il consulente economico del presidente Trump, è rabbrividito al pensiero di ciò che un simile default produrrebbe per all'affidabilità creditizia del dollaro. 

Più recentemente Cotton ha pensato ad alta voce su Fox News che poteva andare bene che gli studenti cinesi venissero negli Stati Uniti per studiare Shakespeare, ma non per il calcolo quantistico o l'intelligenza artificiale. È stata una strana giustapposizione.

Studiare il calcio in Arkansas

Naturalmente, se gli studenti cinesi aspirano a diventare studiosi di Shakespeare, faranno sicuramente domanda a Oxford o Cambridge. L'Università dell'Arkansas potrebbe essere una scelta di riserva se uno studente non potesse entrare nell'Università dell'Alabama per studiare il football universitario.

Cotton sembra essere dell'idea che gli studenti cinesi che si specializzano in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM) vengono negli Stati Uniti per rubare segreti. Si dà il caso che l'informatica quantistica e l'intelligenza artificiale siano due discipline che gli studiosi americani hanno la stessa probabilità di andare a studiare in Cina. Per certi versi, la Cina è altrettanto aggiornata e potrebbe essere addirittura in vantaggio rispetto agli Stati Uniti.

È evidente che Cotton non capisce molto di educazione STEM a livello universitario e post-laurea. Ci sono un po' più di un milione di studenti stranieri negli Stati Uniti e poco più di un terzo proviene dalla Cina. La maggior parte di loro è finanziata dalle famiglie. Dato che Pechino non paga loro la retta, non c'è bisogno di spiare per le loro lezioni.

Ancora più importante, gli studenti stranieri pagano le tasse scolastiche a pieno titolo e rappresentano una fonte di reddito significativa per i college e le università americane.

Soprattutto a livello universitario, i dipartimenti STEM universitari dipendono dalla qualità dei loro studenti per mantenere la qualità dei risultati della ricerca e quindi per mantenere la loro reputazione di eccellenza. Un recente sondaggio ha mostrato che tra le nazionalità, gli studenti cinesi si sono classificati al secondo posto per il QI, mentre gli studenti americani sono arrivati al 28° posto. Ecco perché scuole di alto livello come il Massachusetts Institute of Technology, Stanford e altri reclutano in modo aggressivo studenti provenienti dalla Cina.

Un'altra sorprendente rivelazione è stata che le cinque scelte più popolari tra gli studenti cinesi sono state quelle di gestione aziendale, informatica, finanza, matematica ed economia, in quest'ordine. Questo suggerisce che gli studenti cinesi non vengono negli Stati Uniti solo per la STEM, ma sono altrettanto interessati ad imparare a gestire le imprese come si fa in Occidente.

Gli studenti cinesi hanno scoperto di avere quattro volte più probabilità di essere vittime di un crimine violento mentre si trovavano negli Stati Uniti (e questo prima che la pandemia di Covid-19 inducesse xenofobia) che se fossero rimasti a casa. Inoltre, con la concessione arbitraria e casuale da parte di Trump di visti per studenti e rinnovi dei visti, l'interesse a studiare negli Stati Uniti è in calo. Dieci anni fa, l'iscrizione negli Stati Uniti aumentava di quasi il 30% ogni anno. Per l'anno accademico 2018-19, l'aumento è stato solo dell'1,7%.

Lancet: gli Stati Uniti hanno sbagliato

Cotton ha fatto anche parte del coro che accusava la Cina di coprire la gravità del virus. Non è così, ha detto Richard Horton, caporedattore di Lancet, che ha elogiato la cooperazione internazionale della Cina e ha indicato cinque articoli pubblicati a gennaio. Lamentando che sono stati gli Usa, il Regno Unito e altri Paesi dell'Occidente a dilapidare febbraio e marzo.

Lancet è una rivista scientifica di ricerca medica di fama mondiale e sottoposta a peer-reviewing. Una dichiarazione aperta firmata da 27 scienziati di tutto il mondo è stata pubblicata il 19 febbraio su Lancet, dichiarando la loro solidarietà con tutti gli scienziati e i professionisti della salute in Cina.

La loro lettera aperta in parte diceva: "La condivisione rapida, aperta e trasparente dei dati su questa epidemia è ora minacciata da voci e disinformazione sulle sue origini. Siamo uniti nel condannare con forza le teorie di cospirazione che suggeriscono che il Covid-19 non abbia un'origine naturale".

Alla fine di aprile, il mondo ha accolto la notizia che il primo studio internazionale double-blind** aveva trovato il remdesivir, un farmaco antivirale realizzato da Gilead, in qualche modo efficace nell'aiutare un paziente a riprendersi da Covid-19. Non una cura miracolosa o un vaccino per essere chiari, ma un passo nella giusta direzione, e il mercato azionario ha risposto positivamente.

Un articolo sui risultati è stato pubblicato su Lancet con un titolo che fra l'altro affermava "uno studio randomizzato, double-blind, controllato con placebo e multicentrico". Gli studi clinici sono stati condotti in Cina e i ricercatori erano cinesi. È un esempio dei vantaggi della collaborazione e della cooperazione internazionale.

L'adagio "Ripeti una bugia abbastanza spesso e diventa la verità" è spesso attribuito a Joseph Goebbels, ministro della propaganda di Adolf Hitler. Anche se Pompeo, Cotton ed altri riescono ad annerire la Cina e ad oscurarne il contributo, come potranno il mondo e il popolo americano trarre beneficio dall'assenza di collaborazione internazionale? Come potrà guarire l'America dall'epidemia di Covid-19?


Il dottor George Koo si è recentemente ritirato da una società di servizi di consulenza globale, dove ha fornito consulenza ai clienti sulle loro strategie e operazioni commerciali in Cina. Ha studiato al MIT, allo Stevens Institute e alla Santa Clara University ed è il fondatore ed ex amministratore delegato di Alleanze strategiche internazionali. Attualmente è membro del consiglio di amministrazione di Freschfield, una nuova piattaforma di bioedilizia.

+director of national intelligence

**è un esperimento scientifico in cui viene impedito ad alcune delle persone coinvolte di conoscere informazioni che potrebbero portare a effetti di aspettativa in grado di invalidare i risultati