Afghanistan: la pretesa di Biden di fermare la guerra america più lunga di sempre è un inganno

E-mail Stampa PDF

Afghanistan1di Jeremy Kuzmarov

da https://mltoday.com

Traduzione di Marco Pondrelli per marx21.it

Le forze speciali, gli appaltatori del Pentagono e gli agenti dell'intelligence rimarranno

Mercoledì 14 aprile, il presidente Joe Biden ha annunciato che avrebbe posto fine alla più lunga guerra degli Stati Uniti e ritirato le truppe statunitensi dall'Afghanistan nel 20 ° anniversario degli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001. Entro quella data verranno ritirate anche oltre 6.000 soldati delle truppe NATO. "La guerra in Afghanistan non è mai stata concepita come un'impresa multi-generazionale", ha detto Biden durante le sue osservazioni dalla White House Treaty Room, lo stesso luogo da cui il presidente George W. Bush aveva annunciato che la guerra sarebbe iniziata nell'ottobre 2001. Siamo stati attaccati. Siamo entrati in guerra con obiettivi chiari. Abbiamo raggiunto questi obiettivi. Bin Laden è morto e al Qaeda è degradata in Afghanistan ed è ora di porre fine alla guerra per sempre".


L'affermazione di Biden secondo cui sta ponendo fine alla guerra eterna è fuorviante. Come riportato dal New York Times, gli Stati Uniti potrebbero rimanere dopo la partenza formale delle truppe statunitensi con una "oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti segreti". Secondo gli attuali ed ex funzionari americani "la loro missione sarà quella di "trovare e attaccare le minacce più pericolose di Qaeda o dello Stato islamico"[1]

Il Times ha inoltre riferito che gli Stati Uniti mantengono una costellazione di basi aeree nella regione del Golfo Persico e in Giordania, e un importante quartier generale aereo in Qatar, che potrebbe fornire una rampa di lancio per i bombardieri a lungo raggio o missioni di droni armati in Afghanistan . [2]

Matthew Hoh, un veterano di combattimento disabile che si è dimesso dal Dipartimento di Stato nel 2009 per protestare contro la guerra, ha affermato che un autentico processo di pace in Afghanistan dipende "dalle forze straniere che lasciano l'Afghanistan".

Inoltre Hoh ha affermato che "indipendentemente dal fatto che i 3500 soldati statunitensi riconosciuti lascino l'Afghanistan, l'esercito americano sarà ancora presente sotto forma di migliaia di operazioni speciali e personale della CIA in e intorno all'Afghanistan, attraverso dozzine di squadroni di aerei d'attacco con equipaggi e droni di stanza su basi terrestri e portaerei nella regione, e da centinaia di missili da crociera su navi e sottomarini".

I mercenari R Us

L'insensatezza dell'annuncio del presidente Biden diventa evidente quando si considera che il Pentagono impiega più di sette contractor per ogni militare o donna in Afghanistan; un aumento di un contractor per ogni militare o donna negli ultimi 10 anni. A gennaio, più di 18.000 contractor sono rimasti in Afghanistan, secondo un rapporto del Dipartimento della Difesa, quando il totale ufficiale delle truppe è stato ridotto a 2.500.

Questi totali riflettono la strategia del governo degli Stati Uniti di esternalizzare la guerra a beneficio delle corporazioni mercenarie private e come mezzo per allontanare la guerra dal pubblico ed evitare il dissenso, dato che relativamente pochi americani ne sono direttamente colpiti. La maggior parte dei mercenari sono ex veterani dell'esercito, anche se una percentuale è costituita da cittadini di paesi terzi che vengono pagati con miseri salari per svolgere compiti umili per i militari. Una delle più grandi compagnie mercenarie è la DynCorp International di Falls Church Virginia, che ha ricevuto oltre 7 miliardi di dollari in contratti governativi per addestrare l'esercito afgano e gestire le basi militari in Afghanistan. Dal 2002-2013, DynCorp ha ricevuto il 69% di tutti i finanziamenti del Dipartimento di Stato. La rivista Forbes l'ha definita "uno dei grandi vincitori delle guerre in Iraq e Afghanistan"; i perdenti sono tutti gli altri.

Un modello per la strategia degli Stati Uniti in Afghanistan è la guerra segreta del 1959-1975 in Laos, dove la CIA ha lavorato con centinaia di appaltatori civili che hanno pilotato aerei da ricognizione, gestito basi di terra e gestito stazioni radar in abiti civili, mentre allevava il proprio esercito privato tra i Hmong per combattere il filo-comunista Pathet Lao.[3]

La CIA e le forze speciali hanno nuovamente tentato di reclutare elementi tribali in Afghanistan e, come nel Laos, sono rimasti invischiati in faide intertribali e settarie.[4]

Per anni, gli operatori delle forze speciali statunitensi hanno anche addestrato le forze di sicurezza afgane come un esercito per procura e hanno condotto missioni di cattura e assassinio in stile Phoenix, che sono pronte a continuare, nonostante il ritiro formale delle truppe.

Cosa vuole davvero lo zio Sam in Afghanistan

Il falco di guerra repubblicano James Inhofe ha criticato il piano di ritiro di Biden, affermando che questa è una "decisione sconsiderata e pericolosa. Scadenze arbitrarie metterebbero probabilmente le nostre truppe in pericolo, comprometterebbero tutti i progressi che abbiamo fatto e porterebbero alla guerra civile in Afghanistan - e creerebbero un terreno fertile per i terroristi internazionali."[5]

La valutazione di Inhofe è errata perché, fra i tanti motivi, gli Stati Uniti non hanno fatto molti progressi in 19 anni di guerra - i Talebani, secondo il Council on Foreign Relations, sono più forti che in qualsiasi momento dal 2001 e controllano circa un quinto dell'Afghanistan - e l'Afghanistan non è mai stato davvero un terreno fertile per i terroristi internazionali. I dirottatori dell'11 settembre provenivano per lo più dall'Arabia Saudita e i Talebani hanno accettato di consegnare Osama Bin Laden a un tribunale internazionale dopo gli attacchi dell'11 settembre.

La guerra afgana continuerà all'infinito non a causa della minaccia del terrorismo - che è accentuata dalla presenza militare degli Stati Uniti - ma perché gli Stati Uniti non vogliono cedere terreno in Medio Oriente. Gli Stati Uniti hanno annunciato l'intenzione di mantenere almeno due basi militari in Afghanistan dopo il ritiro ufficiale delle truppe e ne hanno create più di mille durante la guerra.

Lo zio Sam brama anche la ricchezza mineraria afgana. Un sondaggio del 2007 del Servizio Geologico degli Stati Uniti ha scoperto quasi 1 trilione di dollari in depositi minerari, tra cui enormi vene di ferro, rame, cobalto, oro e metalli industriali critici come il litio, che è usato nella produzione di batterie per computer portatili e blackberry. Una nota interna del Pentagono affermava che l'Afghanistan potrebbe diventare "l'Arabia Saudita del litio". Nel 2001, quando gli Stati Uniti invasero per la prima volta l'Afghanistan, stavano espandendo la loro infrastruttura militare in Asia centrale. L'Afghanistan era una stazione chiave per questo nuovo "el dorado del petrolio", che contiene fino a 200 miliardi di barili di petrolio, circa dieci volte la quantità trovata nel Mare del Nord e un terzo delle riserve totali del Golfo Persico. L'Afghanistan era inoltre valutato all'epoca come un luogo chiave per un oleodotto che avrebbe trasportato il petrolio dell'Asia centrale fino all'Oceano Indiano, bypassando la Russia.

Negli anni '90, la compagnia petrolifera della California meridionale, Unocal, ha iniziato a prendere provvedimenti per costruire l'oleodotto, corteggiando persino i talebani. Nel 2018 è stato avviato un nuovo progetto di oleodotto sostenuto dagli Stati Uniti che trasporterà petrolio dal Turkmenistan all'India settentrionale. La più grande paura dell'establishment dominante degli Stati Uniti è che un ritiro completo degli Stati Uniti dall'Afghanistan potrebbe far perdere agli Stati Uniti un punto di appoggio strategico nei confronti dei suoi principali rivali geopolitici Cina e Russia. La Cina ha recentemente aumentato il suo commercio e gli investimenti in Afghanistan - con cui condivide un confine - e ha cercato di coltivare migliori relazioni con il governo afghano e i talebani.

La Russia, nel frattempo, ha riaperto un centro culturale a Kabul nel 2014, ha ricostruito un centro di amicizia sovietico abbandonato, ha ampliato il personale dell'ambasciata, ha esteso gli investimenti economici e ha fornito 10.000 fucili Kalashnikov al governo afghano. Ha anche sostenuto progetti abitativi afgani e ha approfittato dei contatti a Kabul per rinnovare i legami con gli intermediari del potentato etnico nel nord, mentre corteggiava tranquillamente i talebani.

Come un precedente articolo di CAM ha documentato, l'attuale governo afgano guidato da Ashraf Ghani è in gran parte una creazione degli Stati Uniti. Il suo esercito è finanziato dagli Stati Uniti ad un costo di circa 4 miliardi di dollari all'anno. Questo sostegno continuerà - a meno che il Congresso non lo tagli - insieme ai programmi di aiuto estero su larga scala degli Stati Uniti che ammontano a quasi un miliardo all'anno. Gli Stati Uniti vogliono mantenere Ghani al potere, o sostituirlo con un altro delegato che possa aiutarli a vincere la competizione geopolitica con Russia e Cina, cosa poco diversa dal "grande gioco" del 19° secolo tra Gran Bretagna e Russia. Finché l'impero degli Stati Uniti rimane intatto, la guerra in quanto tale andrà avanti, avanti e avanti.

Note:

1. Helen Cooper, Thomas Gibbons-Neff and Eric Schmitt, “Biden Sets End Date for Nation’s Longest War,” The New York Times, April 14, 2021, A1, A13.

2. Cooper, Gibbons-Neff, Schmitt, “Biden Sets End Date for Nation’s Longest War,” A13.

3. Vedi Fred Branfman, Voices from the Plain of Jars: Life Under an Air War, revised edition, with new foreword by Alfred W. McCoy (Madison, WI: University of Wisconsin Press, 2013).

4. Vedi Ann Scott Tyson, American Spartan: The Promise, The Mission, and the Betrayal of Special Forces Major Jim Gant (New York: William Morrow, 2014). Gant promoted a strategy of “tribal engagement.” Nella provincia di Kunar, ha incontrato un capo afghano, Malik Noorafzhal, che ha soprannominato "Toro Seduto", dal nome del capo indiano dell'epoca delle guerre indiane del XIX secolo. Jim Gant, “One Tribe at a Time: A Strategy for Success in Afghanistan,”https://www.globalsecurity.org/military/library/report/2009/2009_one_tribe_at_a_time.pdf.

5. Cooper, Gibbons-Neff, Schmitt, “Biden Sets End Date for Nation’s Longest War,” A13. Va notato che Inhofe è un profittatore di guerra. Ha investito in azioni Raytheon nello stesso momento in cui chiedeva un aumento del bilancio della difesa come presidente della commissione per i servizi armati del Senato. Raytheon è uno dei principali produttori di armi.

–Jeremy Kuzmarov è caporedattore di CovertAction Magazine e autore di quattro libri sulla politica estera degli Stati Uniti, tra cui Obama’s Unending Wars (Clarity Press, 2019) e The Russians Are Coming, Again, with John Marciano (Monthly Review Press, 2018).