Il Venezuela risponde con fermezza alle ingerenze tedesche

E-mail Stampa PDF

09est1venezuelada https://www.abrilabril.pt

Traduzione di 
Marx21.it

Dopo un incontro con il criminale latitante Leopoldo López, Niels Annen, il ministro di Stato tedesco ha messo in dubbio la legittimità delle elezioni venezuelane. Arreaza ha risposto dicendo che la strategia tedesca è fallita.


Niels Annen, che ha tenuto un incontro con Leopoldo López, leader dell'estrema destra venezuelana e golpista fuggitivo protetto dalla Spagna, ha detto che "la Germania continuerà a schierarsi a fianco delle forze democratiche" in Venezuela.

Il ministro di Stato tedesco ha anche criticato le elezioni legislative, tenutesi nel Paese sudamericano lo scorso dicembre, e ha affermato che "non erano libere, né giuste né trasparenti", afferma Sputnik.

«Il governo tedesco si oppone a riconoscere il fallimento della sua antidiplomazia », ha scritto giovedì il ministro degli Esteri venezuelano, Jorge Arreaza, nel suo account Twitter.

Per quanto riguarda il Venezuela, sono stati sconfitti sul campo, nell'Unione Europea e all'ONU. Non sono riusciti a convincere i loro alleati a continuare a violare il diritto internazionale ", ha scritto Arreaza delle dichiarazioni di Annen.

La posizione sembra differire dalle dichiarazioni di un portavoce del ministero degli Affari esteri tedesco, Christofer Burger, che a fine gennaio ha riferito che il governo tedesco non aveva riconosciuto il golpista ed ex deputato venezuelano Juan Guaidó come presidente ad interim.

Anche l'Unione europea (UE) non è riuscita a riconoscere a Guaidó lo status di presidente ad interim, che il mandato di Washington aveva "acquisito" il 23 gennaio 2019, auto-proclamandosi.

Esitazioni e divisioni all'interno dell'UE

Tuttavia, il processo di "de-riconoscimento" è stato tutt'altro che pacifico e le dichiarazioni di Niels Annen sembrano riferirsi a una divisione all'interno della stessa UE.

In una sessione plenaria a metà gennaio, l'Alto rappresentante per la politica estera, Josep Borrell, è stato oggetto di forti critiche e, secondo il portale politico.eu, i deputati spagnolo e portoghese del Partito popolare europeo si sono distinti  all'inizio del mese, riferendosi a Guaidó come rappresentante dell '“Assemblea nazionale uscente” del Venezuela.

Borrell, inoltre, non si è sbarazzato delle critiche del deputato e prominente dirigente socialista venezuelano Diosdado Cabello, che ha ritenuto "vergognoso" che il rappresentante della politica estera dell'UE abbia detto di non avere un'opinione sul Venezuela fino a quando non si pronunciasse il nuovo inquilino della Casa Bianca.

"Sembra che Biden si sia insediato non solo come presidente degli Stati Uniti, ma anche dell'Ue, dal momento che devono chiedergli l'autorizzazione per stabilire una posizione in relazione al Venezuela", ha detto Cabello alla fine di gennaio, citato da Sputnik.

Va ricordato che l'UE ha respinto l'invito del Venezuela a inviare una missione di osservatori alle elezioni del 6 dicembre e ha annunciato di non riconoscere la legittimità dell'Assemblea nazionale per il periodo 2021-2026.