La pericolosa convergenza di Cina e Russia. Come contrastare una partnership emergente

E-mail Stampa PDF

moscadi Andrea Kendall-Taylor e David Shullman

da Foreing Affairs 3 maggio 2021

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Un interessante articolo apparso su Foreing Affairs, rivista legata al Dipartimento di Stato statunitense, spiega molto bene qual è la paura di Washington: quella di un rapporto sempre più stretto fra Cina e Russia. Gli sforzi dell'amministrazione e Biden saranno concentrati nei prossimi anni sul tentativo di incunearsi dentro questa alleanza. Questo articolo ripulito dall'ideologia atlantista ha per questo motivo un grande interesse.


Il 23 marzo il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e la sua controparte russa Sergey Lavrov si sono visti per un incontro di buon auspicio. I colloqui ad alto livello sono arrivati solo un giorno dopo lo scambio pubblico insolitamente acceso tra alti funzionari statunitensi e cinesi ad Anchorage, Alaska, e in netto contrasto, i ministri degli esteri cinese e russo hanno usato un tono amichevole. Insieme, hanno respinto le critiche occidentali sulla loro situazione dei diritti umani e hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che offre una visione alternativa per la governance globale. L'ordine internazionale guidato dagli Stati Uniti, ha detto Lavrov, "non rappresenta la volontà della comunità internazionale". 

Tuttavia l'incontro è stato degno di nota non solo per la sua retorica. Nei giorni successivi, la Russia ha iniziato ad ammassare truppe lungo il confine con l'Ucraina - il maggior numero dall'annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014. Contemporaneamente la Cina ha iniziato a condurre esercizi di assalto anfibio molto pubblicizzati e incursioni aeree nella cosiddetta zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan con la frequenza più alta in quasi 25 anni. Queste mosse militari hanno riacceso le preoccupazioni a Washington sulla potenziale profondità del coordinamento cino-russo.

Per gli Stati Uniti affrontare questi avversari sarà un compito arduo, i due paesi inevitabilmente divideranno l'attenzione di Washington, le capacità e le risorse. Gli eventi delle ultime settimane rendono chiaro che l'amministrazione del presidente Joe Biden avrà difficoltà a gestire il comportamento cinese senza affrontare il sostegno di Mosca a Pechino e che Washington deve ora calcolare come la sua risposta a un avversario modellerà il calcolo dell'altro.

I problemi che i due paesi pongono a Washington sono distinti, ma la convergenza dei loro interessi e la complementarità delle loro capacità - militari e non - rendono la loro sfida combinata al potere degli Stati Uniti più grande della somma delle sue parti. La Cina, in particolare, sta usando la sua relazione con la Russia per colmare le lacune nelle sue capacità militari, accelerare la sua innovazione tecnologica e completare i suoi sforzi per minare la leadership globale degli Stati Uniti. Qualsiasi sforzo per affrontare il comportamento destabilizzante della Russia o della Cina deve ora tenere conto della partnership sempre più profonda dei due paesi.

UN LEGAME EMERGENTE

L'amministrazione Biden ha segnalato che la Cina è la priorità numero uno in politica estera. Il presidente ha definito Pechino "il più serio concorrente" di Washington e ha sottolineato che gli abusi economici della Cina, le violazioni dei diritti umani e le capacità militari rappresentano una minaccia per gli interessi e i valori degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, l'amministrazione ha giustamente declassato la Russia a una preoccupazione di secondo livello. Ma Washington non dovrebbe sottovalutare Mosca. Il presidente russo Vladimir Putin controlla un esercito capace e ha dimostrato che è disposto a usarlo. Temendo l'irrilevanza, Putin sta cercando modi per forzare gli Stati Uniti a trattare con Mosca e probabilmente vede una relazione con Pechino come un mezzo per forzare la mano.

La Russia ha perseguito tali legami in parte vendendo armi sofisticate all'esercito cinese. I sistemi di fabbricazione russa rafforzano la difesa aerea cinese, le capacità antinave e sottomarine, che servono a rafforzare la posizione della Cina contro gli Stati Uniti nell'Indo-Pacifico. La Russia e la Cina hanno condotto esercitazioni militari congiunte - tra cui pattugliamenti di bombardieri strategici nell'Indo-Pacifico ed esercitazioni navali con l'Iran nell'Oceano Indiano - di crescente frequenza e complessità. Tali attività segnalano agli altri paesi che Pechino e Mosca sono disposti a sfidare il dominio degli Stati Uniti. Inoltre, i due stati hanno sviluppato una cooperazione tecnologica che potrebbe alla fine permettere loro di innovare più velocemente insieme di quanto gli Stati Uniti possano fare da soli.

Il legame tra i due paesi è più che strategico, poiché Cina e Russia stanno imparando l'una dall'altra quando si tratta di tattiche autoritarie. Il lancio aggressivo di Pechino delle campagne di disinformazionesul COVID-19, per esempio, dimostra che i suoi leader hanno iniziato ad adottare i metodi del Cremlino. Piuttosto che limitarsi a promuovere e amplificare le narrazioni positive sul Partito Comunista, le campagne di Pechino cercano di seminare confusione, dissenso e dubbi sulla democrazia stessa. Seguendo gli spunti di Pechino, Mosca a sua volta sta imparando a ridurre la relativa libertà online in Russia - un compito reso più urgente da quando Alexei Navalny è tornato a gennaio e le proteste di massa hanno attraversato il paese. Attraverso mezzi condivisi, la Cina e la Russia rendono popolare la governance autoritaria, annacquano le protezioni dei diritti umani e creano norme pericolose intorno alla sovranità informatica. I due paesi si sostengono a vicenda su queste questioni nei forum multilaterali. Parte di questo coordinamento è senza dubbio più accidentale che intenzionale, ma i due paesi stanno cantando dallo stesso spartito.

Per la Russia, i vantaggi economici di un forte rapporto con la Cina sono ben presenti. Mosca sta lavorando con Pechino per mitigare gli effetti delle sanzioni statunitensi ed europee e, in definitiva, per ridurre la centralità di Washington nel sistema economico globale - un cambiamento che ridurrebbe l'efficacia degli strumenti economici statunitensi. Il Cremlino si è rivolto a Pechino per gli investimenti di capitale, come mercato per le esportazioni di armi e componenti di difesa a cui la Russia non può più accedere in Occidente. Dopo il gelido incontro tra Stati Uniti e Cina in Alaska, Lavrov ha sottolineato la necessità di allontanarsi dall'uso del dollaro e dai sistemi di pagamento internazionali controllati dall'Occidente.

COME RESPINGERE

La nuova amministrazione statunitense ha inquadrato la competizione con la Cina e la Russia in termini ideologici - un "dibattito fondamentale sul futuro e la direzione del nostro mondo", come ha detto Biden. Questo approccio è valido. Cina e Russia stanno lavorando per minare la democrazia liberale, un concetto che entrambi i regimi vedono come una minaccia diretta alle loro aspirazioni e alla loro presa sul potere. Per questa ragione, tra le altre, i due paesi cercano di indebolire la posizione degli Stati Uniti in importanti regioni e istituzioni internazionali.

Il ritorno dell'amministrazione Biden al multilateralismo ostacolerà tali sforzi. Allo stesso modo, gli sforzi di Biden per rafforzare i sistemi politici democratici danneggeranno i tentativi cinesi e russi di seminare dubbi. Gli sforzi coordinati per sviluppare infrastrutture informatiche ed elettorali resilienti ed elevare le politiche contro la corruzione possono aiutare a smussare gli effetti delle interferenze maligne.

Tuttavia, gli Stati Uniti non possono basare la loro strategia solo sulla riaffermazione della loro leadership e sulla protezione della democrazia, perché la Cina e la Russia sono legate non solo dall'allineamento delle loro visioni del mondo, ma anche dalla complementarità delle loro risorse e capacità. Il Cremlino, per esempio, non crede di avere un futuro economico in Occidente. Con la stagnazione finanziaria e il rischio di instabilità interna, la Cina è diventata un partner sempre più importante. Colpire le fondamenta di questa relazione richiederà che Washington mostri a Mosca che un certo grado di cooperazione con gli Stati Uniti è preferibile alla sottomissione a Pechino. Modellare il calcolo di Mosca in questo modo non impedirà del tutto la cooperazione russo-cinese, ma può limitare le implicazioni più maligne del loro allineamento.

Alcuni politici e analisti hanno raccomandato una strategia di "Nixon al contrario" per avvicinarsi alla Russia allontanandola dalla Cina. Noi suggeriamo invece un approccio molto più modesto e incrementale, progettato per dimostrare alle persone intorno a Putin i benefici di una politica estera russa più equilibrata e indipendente. Il terreno per perseguire una tale strategia è stretto, ma Washington potrebbe iniziare con il suo desiderio dichiarato di usare l'estensione di febbraio del trattato di riduzione delle armi nucleari 'New START' come punto di partenza per il dialogo sul controllo degli armamenti, la stabilità strategica e la non proliferazione. Gli Stati Uniti potrebbero impegnarsi ulteriormente con Mosca per facilitare il ritorno dell'Iran all'accordo nucleare del 2015 e assicurare una pace stabile in Afghanistan.

Anche nell'Artico gli Stati Uniti potrebbero lavorare per rallentare la svolta di Mosca verso Pechino. Washington dovrebbe immediatamente muoversi per riavviare il forum dei capi della difesa artica (CHODS), uno spazio per il dialogo con la Russia e altri partner artici degli Stati Uniti sulla crescente militarizzazione della regione. Anche se il Consiglio Artico è il principale organo di governo dell'area, il suo mandato non include questioni militari e di sicurezza. Il forum artico CHODS potrebbe essere incaricato di progettare linee guida militari per evitare conflitti tra tutte le parti. Tali sforzi non solo eviterebbero una pericolosa escalation che potrebbe far deragliare altre priorità politiche degli Stati Uniti, ma potrebbero anche fornire un trampolino di lancio per un'ulteriore cooperazione russo-americana.

PICCOLI CUNEI

Le azioni russe, comprese le escalation militari e gli sforzi persistenti per minare le istituzioni democratiche, limitano le possibilità diplomatiche a breve termine. Un impegno significativo sarà minimo finché Putin rimarrà al potere. Sforzi sostenuti e incrementali per lavorare con Mosca in modo da promuovere gli interessi degli Stati Uniti, tuttavia, possono dimostrare all'élite intorno a Putin che un'alternativa alla sottomissione è possibile.

Nel frattempo, Washington dovrà dedicare più risorse per monitorare e contrastare gli effetti della collaborazione tra Pechino e Mosca. L'amministrazione Biden dovrebbe condurre regolari esercitazioni di guerra che mettano gli Stati Uniti, e potenzialmente i suoi alleati della NATO, di fronte alla Cina e alla Russia. Washington dovrebbe prepararsi a contrastare le campagne di interferenza coordinate volte a manipolare il discorso pubblico e a minare la fede nel sistema elettorale degli Stati Uniti. La Cina e la Russia hanno probabilmente intensificato la loro condivisione di informazioni e gli sforzi per contrastare le operazioni di intelligence degli Stati Uniti in entrambi i paesi. Le agenzie statunitensi dovranno quindi tenere conto delle crescenti preoccupazioni di controspionaggio nei loro tentativi di raccogliere informazioni sulla cooperazione nella difesa, il co-sviluppo tecnologico e i trasferimenti non dichiarati di armi.

La relazione cinese-russa non è impermeabile e gli Stati Uniti non dovrebbero rifuggire da misure proattive per sfruttare le sue crepe. Gli sforzi degli Stati Uniti per capitalizzare le tensioni minori potrebbero non cambiare la traiettoria generale del rapporto tra i due paesi. Ma anche piccoli cunei tra i partner possono contribuire all'attrito e alla sfiducia per limitare la portata della cooperazione. Nell'Artico, per esempio, la Russia sta cercando di limitare il ruolo degli stati non artici - specialmente la Cina - nella governance regionale. Gli Stati Uniti dovrebbero sostenere Mosca in questo sforzo, poiché condividono un interesse nel limitare l'influenza cinese nella regione. Separatamente, la Russia è uno dei principali venditori di armi ai paesi che hanno dispute territoriali con la Cina, tra cui India e Vietnam. Eppure il Countering America's Adversaries Through Sanctions Act, approvato dal Congresso nel 2017 per limitare le entrate del Cremlino dalle esportazioni di armi, impedisce alla Russia di vendere armi a Nuova Delhi. I politici dovrebbero considerare di fornire all'India una deroga per l'acquisto di armi russe, permettendo così alle fratture naturali tra Pechino e Mosca di crescere.

Infine, Washington dovrebbe essere molto più esplicita con Mosca su come il comportamento cinese danneggi gli interessi russi. Un principio di lunga data della politica estera russa è quello di stabilire Mosca come un attore indipendente e non allineato in un mondo multipolare. Alcuni analisti e le élite russe sono preoccupati per la crescente sottomissione della Russia a Pechino. Mentre la Cina usurpa gli interessi russi in Bielorussia, Iran e altrove, gli Stati Uniti dovrebbero cercare di sollevare domande tra il popolo russo e l'élite dirigente circa la saggezza dell'approccio attuale, nella speranza che i futuri leader traccino un percorso più neutrale.

L'amministrazione Biden ha già una lunga lista di compiti urgenti legati alla Cina e alla Russia. Lo sforzo di ridurre le relazioni tra i due paesi appartiene a questo catalogo. Un pensiero creativo su come limitare la cooperazione tra Pechino e Mosca, evitando azioni che rafforzino la loro intesa, sarà fondamentale per proteggere gli interessi degli Stati Uniti e le democrazie liberali nei decenni a venire.