Health Silk Road: Emirati Arabi Uniti, hub cinese dei vaccini in Medio Oriente

E-mail Stampa PDF

bri planisferoda https://www.beltandroad

Traduzione di Marco Pondrelli per marx21.it

L'Egitto ha iniziato il suo programma di immunizzazione su larga scala con il vaccino cinese Sinopharm, diventando uno dei primi paesi in Africa a vaccinare i suoi cittadini. L'Egitto ha ricevuto il vaccino Sinopharm lo scorso dicembre attraverso gli Emirati Arabi Uniti (UAE).


Il 20 gennaio le Seychelles, una nazione insulare africana con una popolazione di meno di 100.000 persone, è diventata la prima a vaccinarsi ricevendo 50.000 dosi del vaccino Sinopharm dagli Emirati Arabi Uniti alla fine dello scorso anno.

Data la devastante pandemia, l'offerta di vaccini è ancora inferiore alla domanda. Gli Emirati Arabi Uniti hanno cooperato a lungo con la Cina e ora il lancio della vaccinazione del paese è tra i primi tre al mondo. Alcuni analisti hanno detto che gli EAU diventeranno il centro delle vaccinazioni in Medio Oriente quest'anno.

Una stretta cooperazione

Attualmente, il tasso di vaccinazione negli Emirati Arabi Uniti è del 26%, al secondo posto nel mondo dopo Israele. Più di 25,6 milioni di persone sono state vaccinate e la maggior parte di loro è stata vaccinata con vaccini cinesi. Gli Emirati Arabi Uniti prevedono di vaccinare metà della popolazione entro la fine di marzo, secondo un rapporto della CNBC.

Da settembre 2020, gli Emirati Arabi Uniti hanno iniziato a vaccinare i propri lavoratori sanitari in prima linea e i funzionari governativi con il vaccino Sinopharm e, dalla fine dello scorso anno, il paese ha iniziato a vaccinare l'intera popolazione.

Ora tutti i dipendenti del governo degli Emirati Arabi Uniti sono tenuti a sottoporsi alla vaccinazione e i cittadini comuni sono invitati a farsi vaccinare il prima possibile.

Gli esperti hanno notato che per affrontare la pandemia e i vaccini, gli organi governativi competenti negli Emirati Arabi Uniti hanno compiuto sforzi enormi. L'impegno della Cina a rendere i vaccini beni pubblici per la lotta globale contro l'epidemia, la fiducia politica tra i due paesi, la forte ricerca scientifica e la capacità di produzione delle aziende farmaceutiche cinesi sono i pilastri chiave della capacità degli EAU di portare avanti le vaccinazioni di massa.

Mentre l'Occidente continuava a mettere in dubbio la sicurezza del vaccino cinese, gli Emirati Arabi Uniti hanno mantenuto stretti contatti con i produttori di vaccini cinesi. Nel luglio 2020, Sinopharm ha iniziato gli studi clinici di terza fase per valutare il suo vaccinoad Abu Dhabi. Nel settembre 2020, gli Emirati Arabi Uniti hanno approvato il vaccino di Sinopharm per uso d'emergenza. Nel dicembre 2020, gli EAU hanno approvato il vaccino per uso generale.

È stato riferito che gli esperti di Sinopharm e il dipartimento sanitario degli Emirati Arabi Uniti comunicano regolarmente e condividono informazioni tra loro, raccogliendo e analizzando i problemi, fornendo feedback durante l'esperimento e il processo di inoculazione su base regolare in modo che il vaccino di Sinopharm sia ulteriormente conforme, migliorato e riconosciuto da più paesi.

Secondo gli addetti ai lavori, un recente aumento del numero di acquirenti dei paesi mediorientali e africani che acquistano i vaccini attraverso gli Emirati Arabi Uniti ha rallentato il ritmo della vaccinazione per evitare carenze di fornitura. Gli EAU hanno anche recentemente deciso di stabilire un impianto di produzione di vaccini ad Abu Dhabi in collaborazione con Sinopharm per soddisfare la crescente domanda globale di vaccini.

"Siamo in fase avanzata di discussione con i nostri partner strategici chiave e siamo felici di annunciare che la produzione locale del vaccino sarà fatta negli Emirati Arabi Uniti", ha detto Ashish Koshy, Chief Executive di G42 Healthcare con sede ad Abu Dhabi.

"Intendiamo iniziare la produzione quest'anno", ha detto Koshy. Gli Emirati Arabi Uniti, ha aggiunto, produrranno il vaccino su licenza della casa farmaceutica cinese, che non solo soddisferà la domanda locale ma anche quella globale prevista.

Dopo che la pandemia globale è ulteriormente peggiorata questo inverno, gli Emirati Arabi Uniti hanno lanciato un centro logistico globale il 26 novembre 2020. Con Abu Dhabi come hub, il centro prevede di consegnare e spedire miliardi di dosi di vaccini COVID-19 in tutto il mondo entro la fine di quest'anno.

All'inizio di questo mese, il Dipartimento della Salute di Abu Dhabi ha guidato un'organizzazione chiamata Hope Consortium per coordinare lo stoccaggio e la distribuzione del vaccino, hanno detto i media locali. I partner iniziali del Consorzio includono Etihad Cargo e Abu Dhabi Ports.

Il Consorzio è l'organizzazione ombrello di una partnership pubblico-privata basata sugli Emirati Arabi Uniti, istituita per affrontare la sfida logistica della distribuzione mondiale dei vaccini, ha riferito The Loadstar il 22 gennaio.

Diversi giganti globali della logistica e del magazzinaggio hanno presumibilmente aderito all'organizzazione. Il centro per i vaccini ad Abu Dhabi, assicurando che i vaccini provenienti da vari paesi siano conservati alla temperatura richiesta, si procurerà e distribuirà i vaccini secondo la domanda, e li traccerà accuratamente.

Come riportato lunedì da The National Hope Consortium spera di essere in grado di spostare e conservare più di sei miliardi di fiale - sia in dosi singole che multiple - in condizioni di freddo e ultrafreddo entro il prossimo anno, salendo a più di tre volte tanto entro la fine del prossimo anno. "Questo rappresenta la più grande capacità a livello regionale e una delle più grandi a livello globale", ha detto.

Attualmente ci sono vaccini di produttori di farmaci tra cui Sinopharm, Pfizer, Moderna e Sputnik V che vengono conservati nelle strutture della Abu Dhabi Ports Company. Vengono spediti in tutto il mondo, specialmente ai paesi in via di sviluppo nelle regioni circostanti dell'Asia e dell'Africa, da Etihad Cargo, che secondo quanto riferito è la prima compagnia aerea mediorientale ad ottenere la certificazione del Centro di Eccellenza per Validatori Indipendenti (CEIV) dell'International Air Transport Association (IATA) per la logistica farmaceutica.

In un mondo in cui l'attuale panorama politico internazionale è dominato dall'eredità dell'unilateralismo, l'approvazione e la selezione dei vaccini non è solo una questione di salute pubblica ma anche politica.

Il "centro di vaccinazione del Medio Oriente" che gli Emirati Arabi Uniti hanno istituito con l'aiuto della Cina, oltre alla lotta contro la pandemia congiuntamente con la Cina, farà utili esplorazioni e contributi al controllo della pandemia e alla ripresa economica.

Questo è ovviamente diverso dal "nazionalismo dei vaccini" perseguito da alcuni grandi paesi, che ignora la disponibilità della distribuzione dei vaccini, così come la distribuzione razionale dei vaccini come beni pubblici globali.

Gli Emirati Arabi Uniti inizieranno a produrre vaccini cinesi più tardi quest'anno sotto la licenza dei produttori farmaceutici cinesi, il che significa che diventeranno il primo paese del Medio Oriente a produrre vaccini, ha detto la rivista economica tedesca WirtschaftsWoche. Il suo piano di produzione andrà oltre l'obiettivo di raggiungere l'immunità di gregge negli EAU.

Secondo le notizie riportate alcuni paesi del Medio Oriente, tra cui gli Emirati Arabi Uniti, stanno usando i vaccini cinesi oggi, il che crea un nuovo tipo di cooperazione tra il paese più potente dell'Asia e i paesi ricchi della penisola arabica.

La cooperazione sui vaccini dimostra che il Medio Oriente è diventato un nodo strategico della Via della Seta della salute della Cina e un simbolo della cooperazione bilaterale delle due parti in campo scientifico, secondo WirtschaftsWoch, prevedendo che molti altri paesi potrebbero scegliere di intensificare la cooperazione con la Cina sui vaccini e la scienza seguendo le orme dei loro pari mediorientali.

La Cina, un 'affidabile esecutore'

Come giovane paese con meno di 50 anni, gli Emirati Arabi Uniti non hanno molto peso storico e sono molto aperti alla cooperazione e agli scambi con altri paesi, compresa una profonda cooperazione con la Cina nella sperimentazione, distribuzione e trasporto dei vaccini.

I test clinici dei vaccini sviluppati in Cina, condotti negli EAU nel giugno 2020, sono stati molto attesi e sostenuti dai funzionari degli EAU e dal pubblico più ampio.

Lo sceicco Abdullah bin Mohammed Al Hamed, presidente del Dipartimento della Salute di Abu Dhabi, è diventato il primo individuo al mondo ad essere oggetto della sperimentazione del vaccino inattivato della terza fase nel luglio 2020. Successivamente anche Abdul Rahman Bin Mohammed Al Owais, ministro della salute e della prevenzione degli Emirati Arabi Uniti, ha ricevuto l'iniezione.

A settembre, il governo degli EAU ha approvato l'uso di emergenza dei vaccini inattivati Sinopharm per il personale in prima linea. Poco dopo, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vice presidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, sovrano di Dubai, è stato vaccinato con vaccini sviluppati in Cina, seguito più tardi da ministri del governo che sono stati tutti vaccinati con vaccini cinesi, divenuti poi titoli sui giornali e argomenti dei social media negli Emirati Arabi Uniti. Alcuni media e documenti governativi si sono riferiti a questo vaccino semplicemente come "vaccino cinese" o "vaccino di Pechino" e successivamente lo hanno lodato.

Gli Emirati Arabi Uniti si concentrano sugli interessi pratici negli scambi internazionali invece che sull'ideologia. Anche se ci sono enormi differenze con la Cina in termini di cultura religiosa e sistema politico, ciò non influisce sulla fiducia strategica reciproca e sulla cooperazione approfondita tra le due parti.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno attivamente "guardato verso est", facendo sì che il successo della Cina nella lotta contro la pandemia e nello sviluppo di vaccini diventi uno dei suoi principali sostenitori strategici nel rispondere alla sfida di questa pandemia.

Tuttavia, a causa del complesso ambiente geopolitico in Medio Oriente, gli Emirati Arabi Uniti cooperano con gli Stati Uniti nella sicurezza militare e i due paesi sono in una certa misura alleati. Sulla questione dei vaccini, gli Emirati Arabi Uniti hanno anche importato il vaccino Pfizer dagli Stati Uniti e approvato l'uso di emergenza senza condurre test clinici nel paese.

Alla fine di dicembre 2020, oltre al vaccino cinese, i residenti di Dubai hanno avuto un'altra opzione - il vaccino Pfizer. Anche se la quantità è limitata e attualmente esaurita, il tempo di attesa è lungo con alcune persone provenienti dall'Europa e dai paesi del Nord America che preferiscono ancora ricevere i vaccini Pfizer.

Il 21 gennaio, il governo degli EAU ha approvato l'uso di emergenza del vaccino russo "Sputnik V", che è stato sottoposto a test clinici negli EAU per circa quattro mesi.

Il vaccino cinese è attivamente utilizzato dagli EAU e da altri paesi, causando l'insoddisfazione di alcuni paesi europei e nordamericani. Alcuni media occidentali hanno detto che è sconcertante perché l'efficacia dei vaccini cinesi non è buona come i vaccini Pfizer, ma questi paesi hanno comunque scelto la Cina.

Un rapporto di The Economist del 16 gennaio ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain hanno fiducia nei vaccini cinesi e sperano di ottenere benefici sia politici che di salute pubblica.