Intervista con Zhang Yuyan sulla globalizzazione e lo sviluppo

E-mail Stampa PDF

dragone statuada http://english.cssn

Traduzione di Lorenzo Battisti

Presentiamo qui la traduzione di un’intervista di un autorevole esponente dell’Accademia Cinese di Scienze Sociali. In essa tratta degli effetti della pandemia sulla Cina e a livello globale. Ma facendo ciò, mette in luce le analisi alla base delle decisioni prese dalla Cina ed evidenzia le traiettorie che il paese intende prendere nei prossimi anni, insieme agli ostacoli che incontra.

Pensiamo sia significativo un passo di questa intervista, che mostra chiaramente quanto sia falsa l’informazione occidentale su questo paese:


“Voglio sottolineare che i concetti di successo e vittoria sono diversi. Un uomo deve mettere in ginocchio un rivale o un nemico quando persegue una vittoria. La Cina, tuttavia, cerca il successo, non la vittoria. Cerca modi per costruire una comunità di futuro condiviso per l'umanità. Invece di sconfiggere i rivali o i nemici, i cinesi mirano all'obiettivo di realizzare se stessi e allo stesso tempo beneficiare gli altri.”

La Cina ha proposto un nuovo modello di sviluppo che attenua la circolazione interna e lascia che la circolazione interna e quella internazionale si rafforzino a vicenda. Nel frattempo, molti ritengono che la diffusa pandemia di COVID-19 possa sconvolgere la globalizzazione negli anni a venire. In questo contesto, affrontare i cambiamenti nelle condizioni interne e globali è fondamentale. Recentemente, un reporter del CSST ha incontrato Zhang Yuyan per parlare del percorso di sviluppo della Cina e del futuro della globalizzazione. Zhang ha anche condiviso intuizioni su come promuovere un'apertura di alta qualità. 

CSST: Il mondo è nel mezzo di cambiamenti senza precedenti. Qual è il principale impatto di questi cambiamenti per la sicurezza e lo sviluppo della Cina?

Zhang Yuyan: Nel giugno 2018, il presidente cinese Xi Jinping ha fatto una notevole analisi dell'architettura globale, dicendo che "Il mondo sta subendo profondi cambiamenti mai visti in un secolo." I cambiamenti possono essere interpretati in una vasta gamma di dimensioni, tra cui il confronto tra i punti di forza dei principali paesi e i loro cambiamenti, gli effetti duraturi e le incertezze portate dal progresso tecnologico, la crescente consapevolezza pubblica dei diritti civili, il cambiamento delle strutture demografiche, l'evoluzione del sistema fiscale globale, la decostruzione e la ricostruzione del multilateralismo, la liquidazione dell'istituzione interna degli Stati Uniti e l'intensificazione della competizione strategica Cina-USA. In questo contesto, non possiamo trascurare i fattori che non sono cambiati. Per esempio, viviamo ancora in un'era nucleare. Tutti questi fattori, mutevoli o immutabili, comprendono il panorama globale del futuro sviluppo della Cina. 

La situazione che si verifica una volta ogni secolo ha provocato un aumento dei rischi e delle incertezze, così come molte questioni di sicurezza che possono ostacolare lo sviluppo della Cina. Ci sono due equivalenze della parola anquan nella lingua inglese: security e safety. La security, nella maggior parte dei casi, è relativa a minacce intenzionali e consapevoli, come i rischi e le sfide causate dai comportamenti intenzionali di altri paesi. La safety, invece, è soggetta a pericoli oggettivi. Le lacune nell'amministrazione, la regolamentazione incompleta e la negligenza del personale sono tra queste fonti. Come tale, la security ha una natura difensiva mentre la safety ha una natura amministrativa.

In termini di estensione, possiamo esaminare le questioni anquan attraverso la loro relazione con i rischi. I rischi possono essere divisi in varie categorie. Per esempio, le questioni di security legate ai rischi controllabili sono simili alle questioni di safety. Possiamo domarli emanando delle norme. Un'altra categoria è il rischio strategico, vale a dire i rischi che siamo disposti a prendere anche se ne siamo consapevoli in anticipo. L'attuazione della Going Global Strategy, compresi programmi come la Belt and Road initiative, comporta dei rischi. Tuttavia, siamo disposti ad affrontare i problemi di sicurezza causati da tali rischi dopo aver soppesato i pro e i contro. L'ultima categoria è il rischio esterno. È difficile prevenire e controllare questo tipo di rischio. Indubbiamente, dovremmo approfondire lo studio delle questioni anquan e approfondire la nostra comprensione del concetto di anquan. 

CSST: La pandemia COVID-19 ha fratturato la catena industriale globale in qualche misura. Alcuni paesi hanno chiesto di proteggere le loro catene industriali. Alcuni hanno anche proposto un "disaccoppiamento" dalla Cina. In che modo tali circostanze rimodelleranno la catena industriale globale? In che modo avrà un impatto sulla sicurezza industriale della Cina?

Zhang Yuyan: La pandemia ha accelerato il corso della storia e ha prodotto effetti duraturi, soprattutto quando si tratta della frattura "oggettiva" della catena industriale globale che ha preso forma nel mezzo della globalizzazione. Il controllo della diffusione del virus ha messo in stallo i flussi transfrontalieri di risorse, persone e servizi, amplificando la fragilità e l'instabilità provocata dall'attuale catena industriale troppo lunga e sottile. Un modello di autosufficienza può prendere forma all'interno di un paese, tra due paesi o in una regione, man mano che i paesi hanno successivamente adottato le proprie contromisure contro la crisi della catena industriale. La sua inerzia persisterà fino alla fine della pandemia. Il modello può anche normalizzarsi. 

La frattura "deliberata", tuttavia, merita maggiore attenzione. Durante i due decenni dopo la guerra fredda, una delle caratteristiche della globalizzazione è stata che la divisione del lavoro e la produzione specializzata si sono diffuse in tutto il mondo e hanno creato enormi benefici commerciali. Come beneficiario, la Cina si è trasformata in una base significativa nella catena industriale globale. La sua gestione efficace del COVID-19 ha segnalato prospettive di sviluppo ancora più brillanti. Di conseguenza, sotto l'influenza del nazionalismo e del protezionismo, è emersa in diverse economie una voce che chiede di salvaguardare le proprie catene industriali, persino un "disaccoppiamento" dalla Cina.

Alcuni americani si aspettano che gli Stati Uniti si "disaccoppino" dalla Cina e alla fine attuino politiche di contenimento. Tuttavia, è difficile, e anche inutile, isolare completamente la Cina. Questa strategia non è fattibile perché il successo dell'isolamento della Cina richiede un'azione collettiva da parte delle maggiori economie e di parecchi paesi in via di sviluppo. Questa strategia non è superflua perché la concorrenza della Cina con i paesi sviluppati viene dalla tecnologia avanzata, piuttosto che dalla concorrenza per i prodotti di fascia medio-bassa. 

Il principio che guida la politica americana verso la Cina mira a beneficiare della posizione medio-bassa della Cina nella catena del valore globale, mentre sostiene un divario di sviluppo con la Cina nell'arena della tecnologia avanzata, in particolare nei campi digitali ad alta tecnologia. Chiamo tale politica "confinamento" il cui obiettivo è duplice. Gli Stati Uniti mirano ad adottare una nuova serie di regole internazionali per limitare la Cina nella sfera dell'alta tecnologia. Inoltre, così facendo bloccheranno la posizione della Cina nella catena globale del valore, in modo che gli Stati Uniti possano continuare a essere leader tecnologicamente.

La catena del valore globale ha permesso di unire il mondo. Anche se la maggior parte degli "integratori di sistema" all'estremità superiore della catena del valore sono economie sviluppate come gli Stati Uniti, i paesi europei e il Giappone, il costo del loro "disaccoppiamento" dalle economie in via di sviluppo è salito a livelli che sono insostenibili per il mondo intero. Una volta che i loro guadagni dal commercio cominceranno a diminuire, i paesi troveranno azioni di opposizione da parte di diversi partiti o gruppi, che compenseranno gli effetti della deglobalizzazione. 

La Cina continuerà a sostenere la politica di apertura e i suoi legami con il mondo diventeranno più stretti nei prossimi cinque anni. Nonostante le battute d'arresto, la globalizzazione economica rimane una tendenza nello sviluppo umano, e l'interdipendenza tra i paesi continuerà ad espandersi. Olisticamente, il ritmo della globalizzazione affronta difficoltà temporanee. Non sono state fatte inversioni fondamentali. La globalizzazione, uno snodo cruciale nel corso della storia, non procede sempre su una strada dritta e piatta fiancheggiata da fiori sbocciati e alberi rigogliosi. La sua odissea è destinata a incontrare asperità e persino pericoli. Attualmente siamo su una strada piena di colpi di scena. 

CSST: Nell'ambito del nuovo modello di sviluppo, come può la Cina sviluppare nuovi vantaggi per la cooperazione e la competizione internazionale utilizzando meglio i mercati nazionali e internazionali. 

Zhang Yuyan: La Cina ha proposto un nuovo modello di sviluppo che attenua la circolazione interna e lascia che la circolazione interna e quella internazionale si rafforzino a vicenda. Piuttosto che dividere queste due forme di circolazione, dovremmo trattarle come un insieme. L'enfasi sulla circolazione interna non è affatto una politica a porte chiuse. La circolazione interna, in una certa misura, è anche una doppia circolazione.

Le imprese finanziate dall'estero generano circa il 15% della produzione cinese. Nel frattempo, questa cifra continuerà o crescerà, poiché la Cina si sforza di diventare una calamita per gli investimenti globali.

Attraverso un prisma regionale, la firma dell'accordo Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) segna la partecipazione della Cina alla più grande zona di libero scambio del mondo. Inoltre, la Cina sta cercando attivamente di aderire al Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership (CPTPP). Queste mosse testimoniano la risoluzione del paese di rimanere associato alla divisione globale del lavoro, implementare la politica di apertura, allinearsi alle regole internazionali in materia di economia, commercio e investimenti, e quindi promuovere un'efficace allocazione globale dei fattori produttivi. 

La creazione di vantaggi per la cooperazione e la competizione internazionale dovrebbe iniziare dal mercato interno. Dovremmo stabilire un mercato interno unificato e un campo di gioco equo secondo le regole del mercato. Solo attraverso una concorrenza leale le aziende cinesi competitive possono eccellere all'interno del paese, assicurarsi un posto nel sempre più agguerrito mercato globale e contribuire a una più efficiente allocazione delle risorse in tutto il mondo. Il 14° piano quinquennale (2021-2025) ha illustrato in dettaglio come forgiare un ambiente di mercato favorevole nel paese. Attraverso un più alto livello di apertura, l'innovazione tecnologica e l'espansione della scala consolideranno e ottimizzeranno ulteriormente i settori e i prodotti vantaggiosi della Cina. Pertanto, questi settori e prodotti diventeranno un anello insostituibile nella catena industriale globale, fornendo così uno stimolo costante per il nuovo modello di sviluppo.

CSST: La Cina prevede di adottare un approccio attivo allo sviluppo durante il periodo del 14° piano quinquennale. Tuttavia, alcuni paesi hanno etichettato la Cina come una minaccia. Qual è la sua opinione su questo punto di vista? 

Zhang Yuyan: Considerare la Cina come una minaccia è un presupposto errato. L'approccio attivo della Cina allo sviluppo mira ad attuare il 14° piano quinquennale e gli obiettivi a lungo termine fino al 2035, promuovendo se stessa. La Cina sottolinea il raggiungimento dei suoi obiettivi con benefici reciproci. Questo approccio attivo significa anche che la Cina deve essere proattiva su molte questioni senza esitazione. Dopo lo scoppio del coronavirus, le sue misure proattive hanno gestito la situazione interna in modo tempestivo e hanno contribuito alla lotta globale contro la pandemia. La prosperità deriva in gran parte da una concorrenza efficace e ordinata. L'evoluzione congiunta di concorrenza e cooperazione ha aiutato a distribuire ragionevolmente le risorse globali, migliorando così il benessere comune dell'umanità nel lungo periodo.

La Cina ha una dimensione economica enorme, quindi la sua partecipazione alla divisione globale del lavoro può generare effetti di spillover, portando pressione competitiva ad alcune aziende in diversi paesi. Tuttavia, c'è una pressione bidirezionale. Le aziende cinesi sentono anche la pressione della concorrenza esterna. 

Voglio sottolineare che i concetti di successo e vittoria sono diversi. Un uomo deve mettere in ginocchio un rivale o un nemico quando persegue una vittoria. La Cina, tuttavia, cerca il successo, non la vittoria. Cerca modi per costruire una comunità di futuro condiviso per l'umanità. Invece di sconfiggere i rivali o i nemici, i cinesi mirano all'obiettivo di realizzare se stessi e allo stesso tempo beneficiare gli altri.

Zhang Yuyan è direttore dell'Istituto di economia e politica mondiale presso l'Accademia cinese di scienze sociali (CASS) e membro della CASS. I suoi interessi accademici includono l'economia istituzionale e l'economia politica internazionale. Zhang è autore e coautore di molti libri, come Sviluppo economico e scelta istituzionale (1992), Politica economica internazionale (2008), Le fonti della condotta americana (2015) e Percorso di sviluppo pacifico in Cina (2019). Il suo nuovo lavoro Reform, Opening-up, and China's Changing Role in Global Governance sta per essere pubblicato.