Xinjiang: quello che l'Occidente non vi dice sulla guerra al terrorismo della Cina

E-mail Stampa PDF

xijinping conferenzadi Weijian Shan

da https://www.scmp.com

Traduzione di Marco Pondrelli per marx21.it

Nel 2002, gli Stati Uniti e l'ONU hanno entrambi dichiarato un gruppo militante uiguro un'organizzazione terroristica. Gli Stati Uniti allora consideravano la Cina un partner nella guerra al terrorismo

Quando l'amministrazione Trump ha cancellato l'East Turkestan Islamic Movement, ha permesso all'Occidente di inquadrare le misure antiterrorismo della Cina come persecuzione etnica


Il 22 marzo gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno imposto sanzioni alla Cina per le presunte violazioni dei diritti umani contro gli Uiguri, il gruppo etnico di maggioranza nella regione autonoma dello Xinjiang.

È stata l'ultima di una serie di mosse contro Pechino, iniziate il 19 gennaio, quando l'allora segretario di stato americano Mike Pompeo, nel suo ultimo giorno di mandato, ha dichiarato che la Cina stava commettendo un genocidio "in corso" contro gli uiguri. 

Pompeo non ha offerto alcuna prova. Fu riportato dalla rivista Foreign Policy che gli stessi avvocati del Dipartimento di Stato avevano trovato "prove insufficienti per dimostrare il genocidio". Quando il parlamento canadese ha successivamente approvato una mozione che dichiarava il genocidio nello Xinjiang, il primo ministro Justin Trudeau si è astenuto, definendo il termine "estremamente pesante".

La Cina si è vendicata, lanciando sanzioni contro i parlamentari europei, accusando l'Occidente di ipocrisia e di diffondere bugie.

Quello che non si legge in Occidente è che il terrorismo stava andando fuori controllo nello Xinjiang e rimane oggi una seria minaccia.

Fino a pochi anni fa visitavo regolarmente lo Xinjiang da Hong Kong, per una ditta americana che aveva lì investito centinaia di milioni di dollari in due imprese private.

Entrambe impiegavano sia gli uiguri che gli han. Erano lavori ambiti. Durante le mie visite, sono stato portato ai bazar uiguri, alle cene uigure e alle danze uigure, che i miei ospiti mi hanno presentato con orgoglio. La maggior parte dei funzionari che ho incontrato erano uiguri.

A partire dal 2007 tuttavia è diventato sempre più pericoloso visitare lo Xinjiang. La regione è stata scossa da una serie di orribili attacchi terroristici, che hanno causato più di 1.000 morti e innumerevoli feriti.

Per esempio, il 5 luglio 2009, c'è stata una rivolta nella capitale Urumqi; 197 persone sono state accoltellate, picchiate o bruciate vive e 1.721 sono state ferite. Il 22 maggio 2014 due autobombe nella stessa città hanno ucciso 43 persone e ne hanno ferite 94. Ci sono stati decine di altri attacchi.

L'estrema violenza non era solo limitata allo Xinjiang. Nel 2013, cinque persone sono morte e 38 sono state ferite in un attacco suicida di tre uiguri a Pechino. Nel 2014, una serie di uccisioni da parte di otto uiguri armati di coltello ha causato 31 morti e 141 feriti in una stazione ferroviaria di Kunming.

Uno studio del 2016 commissionato dal governo degli Stati Uniti ha notato che, dal 2012 al 2014, gli attacchi interni in Cina "apparentemente sono diventati più frequenti, più dispersi geograficamente e più indiscriminatamente mirati". Gli autori in molti casi erano membri radicalizzati dell'etnia uigura.

L'organizzazione che spesso ha rivendicato la responsabilità degli attacchi, l'East Turkestan Islamic Movement (ETIM), è stato descritto in un documento del Council on Foreign Relations come "un gruppo separatista musulmano fondato da uiguri militanti".

Il documento osservava inoltre: "il gruppo e i suoi legami con il fondamentalismo musulmano hanno aggravato le preoccupazioni cinesi sulla crescente minaccia del terrorismo all'interno del paese, mentre le sue regioni occidentali in difficoltà hanno affrontato una serie di attacchi terroristici nel 2014 ... L'ETIM è stato elencato dal Dipartimento di Stato come uno dei gruppi separatisti più estremi. Vorrebbe uno Stato indipendente chiamato Turkestan orientale che coprirebbe un'area che comprende parti della Turchia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan, Pakistan, Afghanistan e la regione autonoma dello Xinjiang".

Nel 2002, gli Stati Uniti e le Nazioni Unite hanno entrambi dichiarato l'ETIM un gruppo terroristico, con il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha notato l'associazione del gruppo con al-Qaeda, Osama bin Laden o i talebani.

I combattenti uiguri hanno combattuto le forze statunitensi in Afghanistan e altrove e molti sono stati feriti, uccisi o catturati. Per anni gli Stati Uniti hanno tenuto 22 uiguri a Guantanamo Bay. Nel luglio 2020 l'ONU ha identificato migliaia di combattenti uiguri dello Stato Islamico in Siria e Afghanistan.

Molto simile alla guerra al terrorismo del dopo 11 settembre - in cui gli Stati Uniti, ironicamente, hanno considerato la Cina come un partner - la Cina ha condotto la propria offensiva antiterrorismo nello Xinjiang. Gli estremisti operano attraverso i confini porosi della Cina e si addestrano insieme ai talebani e allo Stato Islamico.

Tornati nello Xinjiang, si nascondono tra la popolazione, lavorando per convertire i giovani al loro radicalismo, pianificando e realizzando attacchi terroristici.

Le misure antiterrorismo della Cina includono una maggiore sicurezza e quelli che la Cina chiama centri di formazione professionale ed educazione. Shohrat Zakir, governatore dello Xinjiang e uiguro, ha detto in una conferenza stampa nel dicembre 2019 che la formazione riguardava competenze lavorative, mandarino, diritto e deradicalizzazione.

Ha aggiunto che tutti i tirocinanti si sono diplomati entro la fine del 2019, ma che i centri di formazione continueranno a funzionare come scuole.

Ci sono state persone innocenti radunate per errore? Molto probabile (anche se possiamo solo speculare). Ci sono state violazioni dei diritti umani in questi centri? Con un occhio critico e tenendo presente quanto deve essersi impegnata la macchina della propaganda dell'ETIM, alcune delle accuse sembrano credibili ed altre sono ovviamente false. Non ci sono prove, tuttavia, che gli abusi siano sistematici o ordinati dall'alto.

Per quanto dure possano essere le misure antiterrorismo della Cina, impallidiscono rispetto a quelle degli Stati Uniti.

Secondo varie stime, la guerra al terrorismo americana ha causato mezzo milione di vittime in Afghanistan e Iraq, e molte altre in Pakistan, Siria e Libia. In Iraq, il conflitto ha causato circa 200.000 morti civili, la stragrande maggioranza dei quali erano donne e bambini, superando le vittime tra le truppe irachene di cinque a uno.

Tuttavia, gli Stati Uniti da allora hanno ammesso - nei rapporti del Comitato ristretto del Senato per l'intelligence - di non avere uno straccio di prova che l'Iraq avesse qualcosa a che fare con l'11 settembre, ospitasse al-Qaeda o possedesse armi di distruzione di massa. Si sono perse invano molte vite innocenti.

A differenza della guerra al terrorismo degli Stati Uniti, la campagna antiterrorismo della Cina sembra aver funzionato. Non ci sono state segnalazioni di attacchi terroristici dal 2017.

In realtà è notevole che la Cina sia stata in grado di tenere a freno il terrorismo, un problema intrattabile in qualsiasi parte del mondo, senza infliggere tanti danni collaterali. Questo punto non sembra mai essere preso in considerazione nel torrente di indignazione che si riversa dalla stampa occidentale.

Ora gli Stati Uniti accusano la Cina di genocidio senza alcuna prova. Non ha forse ragione la Cina quando accusa l'America di usare due pesi e due misure?

Il 5 novembre 2020, due giorni dopo le elezioni presidenziali americane, l'amministrazione Trump ha cancellato l'ETIM dalla lista dei gruppi terroristici. Il tempismo non potrebbe essere più cinico - quale modo migliore per vendicarsi della Cina, che Trump aveva ripetutamente incolpato delle sue disgrazie politiche?

Con un tratto di penna, il terrorismo sponsorizzato dall'ETIM non era più un problema per gli Stati Uniti e la legittimità internazionale della campagna antiterrorismo della Cina se ne andava. 

Questo ha spianato la strada a Pompeo per dichiarare il genocidio, il giorno in cui stava facendo i bagagli per lasciare l'ufficio - di nuovo, il tempismo non è una coincidenza. Se non ci fossero stati terroristi da combattere, le politiche della Cina avrebbero potuto essere etichettate come repressione etnica.

Eliminando la premessa dell'antiterrorismo, i politici occidentali possono inquadrare le misure antiterrorismo della Cina semplicemente come persecuzione religiosa ed etnica. 

Ci sono circa 25 milioni di musulmani in Cina. La sola Pechino ha circa un quarto di milione di musulmani e più di 70 moschee. Le politiche della Cina nello Xinjiang, per quanto draconiane possano sembrare a un certo livello, non sono rivolte contro una religione o a un gruppo etnico, ma contro l'estremismo; i principali paesi musulmani lo capiscono e hanno pubblicamente sostenuto la Cina.

Implicita in ogni affermazione di genocidio è l'idea che un gruppo stia tentando di sterminarne un altro. Ma non c'è alcuna prova di uno sforzo sistematico per ridurre la popolazione uigura, come alcuni in Occidente sostengono.

Nel giro di 40 anni la popolazione uigura nello Xinjiang è cresciuta da 5,5 milioni a più di 12 milioni. Tra il 2010 e il 2018, la popolazione uigura è aumentata del 25%, rispetto al 2% della popolazione Han.

È noto che la Cina ha attuato una politica del figlio unico tra il 1979 e il 2015. Ciò che non è ben compreso è che i gruppi etnici non Han, come gli Uiguri sono stati esentati dalla politica di controllo delle nascite e le coppie nelle zone rurali sono state autorizzate ad avere fino a tre figli.

Le politiche di controllo delle nascite della Cina discriminano a favore, non contro, i gruppi etnici non-Han, compresi gli Uiguri.

Secondo Zuliyati Simayi, uno studioso Uygur dell'Università dello Xinjiang coerentemente al tasso di crescita nazionale il tasso di crescita della popolazione nello Xinjiang è diminuito nel 2018 ma e ancora superiore alla media nazionale. Anche se la Cina ha abbandonato la politica del figlio unico, il numero di neonati è diminuito dal 2016.

L'anno scorso, le nascite sono crollate a 10,035 milioni, il livello più basso nella storia della Repubblica Popolare; ma sarebbe ridicolo concludere da questa tendenza che il governo cinese stia commettendo un genocidio contro il suo stesso popolo.

La maggior parte dei rapporti occidentali sul "genocidio" citano una sola fonte, Adrian Zenz, un cristiano tedesco rinato alle dipendenze della Victims of Communism Memorial Foundation, a Washington. Egli afferma di essere "guidato da Dio" nel fare ricerche sulle minoranze cinesi.

Per quanto posso accertare tutti i suoi dati sono basati su statistiche pubblicate dal governo cinese, come tutte le statistiche di questo tipo diffuse in Occidente, il che è comprensibile perché solo un governo è in grado di raccogliere statistiche in modo sistematico. Tuttavia, egli interpreta questi dati dando un significato di completamente diverso dall'originale.

Per esempio la Cina ha perseguito un pluridecennale sforzo contro la povertà attraverso politiche come aiutare i poveri a trovare lavoro altrove e spostare interi villaggi da zone remote a luoghi più accessibili con l'elettricità. Ma i dati relativi a tali politiche sono stati citati da Zenz e altri come prova di "trasferimenti forzati di lavoro" e "genocidio".

Il problema della Cina è che non ha una stampa libera, quindi non esiste una verifica indipendente della situazione nello Xinjiang.

Un consiglio a Pechino: la vostra attenzione dovrebbe essere rivolta alle organizzazioni terroristiche e alle loro macchine di propaganda. Per vincere la guerra dell'informazione, dovreste portare la stampa straniera dalla vostra parte - o rischiate di fare il gioco dell'ETIM.

Ho visto le testimonianze di alcune vittime degli attacchi terroristici e la loro sofferenza è straziante. Portate i giornalisti da loro, così come nei centri di formazione. La trasparenza è il modo migliore per dissipare le voci, smascherare le bugie e conquistare amici.

Non si può dire se la pace durerà nello Xinjiang. Gli Stati Uniti stanno combattendo da decenni "guerre infinite" contro il terrorismo senza una fine in vista.

È una lunga lotta perché le cause del terrorismo sono radicate e sfaccettate: sociali, politiche, economiche, religiose e storiche.

Il terrorismo non può essere spazzato via con una strategia del tipo "colpisci la talpa" - semplicemente uccidendo i cattivi ovunque essi compaiano. Le cause devono essere affrontate alla radice. Questo può includere l'alleviamento della povertà, posti di lavoro, politiche economiche generose e istruzione.

La Cina è stata ostracizzata sulla piazza mondiale. I conflitti sempre più profondi con l'Occidente hanno inasprito le relazioni. Eppure, in tutte queste aree, il dibattito è lontano dal bianco e nero. La grande lezione degli ultimi quattro anni è che i fatti contano.

Questo è proprio il caso delle politiche cinesi nello Xinjiang. La leadership cinese ha bisogno di fare un lavoro molto migliore per spiegare la sua campagna anti-terrorismo. E l'Occidente ha bisogno di darsi un'attenta occhiata allo specchio e alle sue lotte allo stesso problema.

Weijian Shan è l'autore di due libri bestseller: Out of the Gobi e Money Games.