Il segretario generale del Partito del Lavoro di Corea risponde alle domande dell'agenzia russa ITAR-Tass

E-mail Stampa PDF

Traduzione dall’inglese della KFA-Italia | Foto: KCNA

 

kimjongil medvedevRingrazio ITAR-Tass di questa intervista in occasione della mia proficua visita alle regioni siberiane e alle regioni orientali della Federazione Russa. Per comodità, risponderò alle vostre domande raggruppandole per temi.

 

Per prima cosa gradirei riferirmi alle mie impressioni della visita in Russia e alle prospettive dello sviluppo delle relazioni RPDC-Russia. Sono molto contento di avere visitato in agosto la Russia, un vicino amichevole, e di aver incontrato il Presidente Dmitri Anatoliyevich Medvedev.

 

Non posso dimenticare il fatto che il Presidente Medvedev abbia viaggiato per migliaia di chilometri alla volta di Ulan-Ude, dalla capitale Mosca, per darci il suo caloroso benvenuto e che funzionari russi venuti da Mosca e funzionari delle aree locali, unitamente alla popolazione russa, ci abbiano accolto con calore ed ospitalità. E ho ricordato con piacere i giorni all’inizio di questo nuovo secolo quando in varie occasioni incontrai il Presidente Vladimir Putin approfondendo le relazioni di amicizia tra di noi.

 

Sono stato profondamente commosso quando ho nuovamente visitato, dopo quasi una decade, le importanti regioni siberiane e del lontano oriente russo, regioni che conservano le tracce nobili del grande Presidente Kim Il Sung, iniziatore delle tradizioni preziose di amicizia RPDC-Russia cui ha fornito un contributo imperituro, fortificando e sviluppando le relazioni tra i due Paesi.

 

Durante la terza visita in Russia nel corso del nuovo secolo abbiamo visitato la Centrale Idroelettrica Bureya un gigante nella produzione di energia nel lontano oriente russo, il lago Baikal, un'attrazione naturale siberiana, varie città costituenti insediamenti economici e culturali. Nel corso di questo viaggio abbiamo preso atto dei successi raggiunti dal governo russo e dalla popolazione e come insieme stessero lavorando per costruire uno stato potente con profonda partecipazione e comprensione, caratteristiche proprie del coraggioso e laborioso popolo russo.

 

Continuare nel solco dello sviluppo, pienamente e in profondità, la storia e le tradizioni degli accordi di amicizia tra RPDC e Russia nell’interesse dei popoli dei nostri due paesi è di grande significato nel difendere pace e la stabilità in Nord-est.

 

Il summit RPDC-Russia e i colloqui di Ulan-Ude rappresentano un'importante occasione nell'ottica di ulteriore espansione e sviluppo delle relazioni di tradizionale amicizia e di cooperazione in conformità con le aspirazioni e gli auspici dei popoli dei nostri due paesi. Il summit ha evidenziato gli elementi propedeutici allo sviluppo delle relazioni bilaterali in ambito di cooperazione economica comprendente vari aspetti, inclusi gli accordi sul gasdotto e sulla rete ferroviaria nell’interesse dei popoli dei due paesi, per la prosperità della Regione. I due paesi ora stanno lavorando in questa direzione, implementando misure funzionali alla realizzazione della cooperazione nel settore energetico, inclusa la costruzione del gasdotto.

 

Io sono fiducioso che le relazioni di amicizia e di cooperazione tra i due paesi saranno ulteriormente incrementate e consolidate in tutti i campi della politica, dell'economia, della cultura e in campo militare sulla base degli accordi raggiunti nel recente summit e nello spirito della dichiarazione congiunta RPDC-Russia, la dichiarazione di Mosca RPDC-Russia ed il Trattato di Amicizia, di buon vicinato e di cooperazione RPDC-Russia. Il governo della nostra Repubblica valuta in maniera estremamente positiva la tradizionale amicizia RPDC-Russia e farà sforzi congiunti col governo russo per consolidare e sviluppare le relazioni di amicizia e cooperazione tra i due paesi e tra i due popoli.

 

Oltre a questo, gradirei parlare del problema nucleare nella penisola coreana e della ripresa delle trattative del tavolo a sei.

 

Fare della penisola coreana una penisola interamente denuclearizzata era uno degli obiettivi del grande Presidente Kim Il Sung, ed è un obiettivo costante del governo della nostra Repubblica.

 

Il problema nucleare nella penisola coreana scaturisce dalla politica degli Stati Uniti che minacciano continuamente la sovranità e la sicurezza del nostro popolo.

 

La sovranità è l’ancora di salvezza di un paese e di una nazione. Il nostro nucleare è un deterrente per proteggere la nostra sovranità dalla minaccia nucleare evidente degli Stati Uniti e della loro politica sempre più ostile.

 

Come ribadito nel recente summit, la nostra volontà di fare della penisola coreana una penisola denuclearizzata non è mutata, vogliamo riprendere al più presto le trattative del tavolo a sei senza pregiudizi e implementando i contenuti della Dichiarazione Congiunta del 19 settembre in modo completo ed equilibrato sul principio dell’azione simultanea.

 

Noi faremo sforzi continuati con la parte russa per opporci a pratiche prepotenti ed arbitrarie nell'arena internazionale, e per stabilire un ordine internazionale equanime che difenda la pace e la sicurezza dell’Asia e del resto del mondo.

 

Riguardo alla prospettiva di normalizzare le relazioni tra il nostro paese e gli Stati Uniti e il Giappone, la normalizzazione dipende completamente dalle posizioni e dall’atteggiamento degli Stati Uniti e del Giappone.

 

La politica estera della nostra Repubblica è costantemente orientata allo sviluppo delle relazioni con tutti i paesi che siano conformi agli ideali d’indipendenza, di pace e di amicizia.

 

Il nuovo secolo vede perpetuare da parte degli Stati Uniti politiche ostili nei confronti della RPDC, aumentando la loro pressione sulla RPDC in tutti i campi e portando la situazione verso un punto pericoloso.

 

Come la realtà presente testimonia alla storia delle relazioni antagonistiche RPDC-Stati Uniti, ogni atto ostile degli Stati Uniti e ogni manovra d’invasione non otterrà alcun risultato e si scontrerà sempre col suo fallimento.


Se gli Stati Uniti, sebbene tardivamente, abbandonassero la loro politica ostile verso la RPDC e si comportassero con correttezza, noi saremmo disposti a migliorare le nostre relazioni con loro.

 

Propedeutico alla promozione di relazioni tra il nostro paese ed il Giappone è che il Giappone faccia ammenda per i crimini commessi nel passato contro il nostro paese ed il nostro popolo.

 

Se il Giappone compiesse un passo risoluto in direzione di un emendamento del suo passato equivoco e dell'abbandono della sua politica ostile verso di noi, ciò potrebbe condurre alla normalizzazione delle relazioni bilaterali.

 

Gli amici russi hanno mostrato molto interesse riguardo al fatto che il nostro popolo sta facendo sforzi epocali per edificare un grande Paese.

 

Durante la mia visita in Russia, il Presidente Medvedev ha inviato i suoi saluti al nostro popolo che sta compiendo sforzi per costruire un Paese prospero al fine di celebrare il centenario della nascita del Presidente Kim Il Sung, esprimendo il suo appoggio alle misure positive da noi adottate al fine di sviluppare l'economia del Paese e migliorare lo standard di vita delle persone così come la sua certezza che il nostro popolo realizzerà grandi successi nel suo cammino per l’edificazione di un grande Stato. Questo è di grande incoraggiamento alla nostra causa.

 

Oggi il nostro popolo è proteso nella sua totalità all’edificazione di un grande e potente Paese Socialista, il desiderio che ha caratterizzato tutta la vita del Presidente Kim Il Sung, tutti gli sforzi del popolo sono diretti al miglioramento degli standard di vita.

 

Noi realizzeremo brillantemente la causa di costruire una nazione prospera, senza fallo, con la massima unità del Partito, dell’esercito e del popolo, delle solide potenzialità della nostra economia nazionale ed indipendente.

 

È il mio più grande desiderio far sì che il nostro popolo possa al più presto vivere senza nulla da invidiare, è il mio più grande piacere lavorare alacremente, dividendo le mie gioie e i miei dolori con il nostro popolo, sul cammino della realizzazione di questi miei desideri.

 

Avendo quest’opportunità, porgo nuovamente i miei saluti amichevoli al governo russo e al popolo russo ed auguro loro grande successo nei loro sforzi per la costruzione di uno Stato potente.


http://www.korea-dpr.com/users/italy/